Mps, gli spiragli ora arrivano dalla Germania

A
A
A
di Redazione 11 Luglio 2016 | 07:06

Il capo economista di Deutsche Bank ha ammesso la necessità di un fondo europeo di ricapitalizzazione per le banche del valore di 150 miliardi. 

VERSO L'EUROGRUPPO – Ennesima ora decisiva per Monte dei Paschi di Siena e soprattutto per i suoi obbligazionisti e azionisti. Che per una volta potrebbero godere di una sponda inaspettata: quella della Germania
Oggi si riunisce infatti l'Eurogruppo, il vertice dei ministri delle Finanze europei, durante il quale il governo italiano chiederà presumibilmente l'ok a un piano di ricapitalizzazione per l'istituto senese. 
E la Germania potrebbe porgere un assist.
 
LA TESI DI DEUTSCHE BANK – Potrebbero infatti aprirsi spazi di trattativa dopo che un istituto tedesco, la Bremer Landesbank, è arrivata vicina all'insolvenza e dopo che anche il capo-economista di Deutsche Bank, David Folkerts-Landau, ha confessato in un'intervista a Die Welt che l'intero sistema bancario europeo avrebbe bisogno di una ricapitalizzazione del valore di 150 miliardi di euro da effettuarsi attraverso un fondo pubblico condiviso.
L'obiettivo è arrivare a una ricapitalizzazione prima della pubblicazione dell'esito degli stress test del 29 luglio in osservanza dell'articolo 32.4 della direttiva Brrd che consente la ricapitalizzazione preventiva per gli istituti che abbiano una situazione patrimoniale incompatibile con la stabilità. 
Un'eventualità che metterebbe azionisti e obbligazionisti subordinati dell'istituto senese al riparo dalle richieste del bail-in e alla conseguente riduzione del valore dei titoli in portafoglio. 
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Crisi bancarie, è il turno di Banca popolare di Bari

Banca Carige, analogie e differenze con altre crisi bancarie italiane

Banca Carige, un salvataggio che ricorda quelli varati da Renzi e Gentiloni

NEWSLETTER
Iscriviti
X