Per le banche europee in arrivo altri vincoli

A
A
A
di Luca Spoldi 20 Luglio 2016 | 17:35
Secondo le nuove norme sui requisiti minimi di solvibilità, le banche europee potrebbero dover accantonare altre centinaia di miliardi nei prossimi anni per far fronte a perdite potenziali. Entro settembre si dovrebbe avere una decisione sui requisiti minimi

ALLE BANCHE EUROPEE SERVIRANNO ALTRI MILIARDI – Banche europee potrebbero avere bisogno ancora di centinaia di miliardi di euro per far fronte ad asset che genereranno perdite nei prossimi anni, così da adeguarsi alle nuove regole europee sui requisiti minimi di solvibilità (Mrel). Lo si legge in uno studio dell’Eba (European banking authority) che stima in 470 miliardi di euro la necessità di rifinanziamento nell’ipotesi più severa. Escludere il debito “unsecured” dalle fonti di finanziamento farebbe balzare tale cifra a 790 miliardi.

SI DISCUTE SUI REQUISITI MINIMI – Numeri, avverte la stessa Eba, che rappresentano solo una prima stima e devono essere presi “con cautela”. Il Financial stability board dal canto suo ha già fatto sapere che darà tempo sino al 2019 alle banche per assolvere ai requisiti minimi previsti dalle nuove norme e di ritenere che per le maggiori banche nazionali un requisito minimo dovrebbe essere una percentuale di capitale “core” pari all’8% del totale del passivo, includendo i propri fondi. Una decisione definitiva sui requisiti minimi è attesa per la fine di settembre.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulente minacciato, regional manager condannato (in primo grado)

Banca di Asti, spinta sui giovani talenti

Investimenti, l’outlook sulle banche di Algebris

NEWSLETTER
Iscriviti
X