Banche, sono peggio i crediti dubbi italiani o i derivati tedeschi? Ecco i dati Mediobanca

A
A
A
di Redazione 29 Luglio 2016 | 11:52
I punti principali dello studio “Dati cumulativi delle principali banche internazionali” condotto da R&S Mediobanca

Se l’Italia piange, la Germania non ride. Anche Mediobanca R&S certifica l’esistenza di problemi diffusi sul fronte bancario europeo. E in particolare delle minacce che gravano sulle banche di Roma e Berlino. Sulla sponda italiana il problema ormai acclarato è quello dei crediti dubbi, o NPL, per la Germania invece si guarda con apprensione agli asset illiquidi, privi di mercato e valutati in modo discrezionale dai singoli istituti. In una parola: ai derivati.

Ecco in sintesi i punti principali dello studio “Dati cumulativi delle principali banche internazionali” condotto da R&S Mediobanca:

Banche italiane penalizzate dai crediti dubbi: 8,2% dei crediti complessivi, quattro volte la media europea (2%), ma: buona copertura con fondi e garanzie, allineata alla media europea: 94% vs 93%.
Modesto peso del “Livello III” (in sostanza il rischio di credito sui derivati): 8,4% del patrimonio netto tangibile vs 44,5% per la Germania, 38,1% per la Svizzera, 20,3% per la media europea.
Posizionamento sotto la media europea per incidenza della somma di Livello III e “crediti in concessione” sul patrimonio netto tangibile: 24% contro 52% per la Germania, 48% per la Spagna, 38% per la Svizzera, 30,3% per la media europea

Intesa Sanpaolo migliore banca per leverage e tra le migliori per combinazione di leverage e CET1, assieme a Agricole, BPCE, Lloyds, RBS e St. Chartered

– Nel 2015 la maggiore banca commerciale per attivo è la Industrial and Commercial Bank of China con 3.146€ mld. che ha superato la statunitense JPM Chase a 2.989€ mld. Segue BofA a 2.557€ mld. Nelle prime cinque posizioni si trovano altre due banche cinesi che scalzano Hsbc e Citi. Hsbc è la maggiore banca europea (7° nel rank) a 2.309 €mld.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, c’è bisogno di un cambio di rotta

Banche, proroga UE sulla cartolarizzazione dei crediti in sofferenza. Gli Etf sul settore

Banche e sostenibilità, in Italia un impegno a metà

NEWSLETTER
Iscriviti
X