Startup: la Cina è più vicina, grazie a H-Farm

A
A
A
di Luca Spoldi 21 Settembre 2016 | 09:29

H-FARM GUARDA ALLA CINA – H-Farm, acceleratore di startup innovative quotato sull’Aim Italia (la società ha già fatto sapere di puntare al passaggio sul Mta nell’arco di un paio d’anni) punta sulla Cina con Marco Polo Accelerator, nuovo programma di accelerazione che proverà a consentire a 5-10 startup innovative di fare breccia col proprio business in un mercato complesso come quello cinese, grazie ad un investimento complessivo fino a 2 milioni euro.

IN PARTNERSHIP CON QWOS – Partner dell’iniziativa è QWOS, tra i principali brand in Cina che opera come intermediario di investimenti all’estero. Il programma, per il quale è possibile candidarsi sino al 30 novembre, durerà 4 mesi e inizierà nei primi mesi del 2017. Ad ogni startup verrà erogato un sostegno fino a 200.000 euro tra cash e servizi, garantito da un numero massimo di 4 investitori individuati da QWOS.

DEMO DEY FINALE A PECHINO – Oltre a disposizione il proprio network di finanziatori e imprenditori, QWOS grazie alla partnership con Tsinghua University, metterà a disposizione due studenti Mba che affiancheranno gli startupper al fine di facilitare l’ingresso e il radicamento del loro business nel mercato cinese. Al termine del percorso, ricorda una nota, si terrà un “Demo Day” a Pechino.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

H-Farm sottotono nonostante nuovi fondi per le sue startup

Equity crowdfunding in crescita anche in Italia

Generali Italia e H-Farm puntano sulla salute digitale

NEWSLETTER
Iscriviti
X