Pazzesco, la Cina vuole coltivare vini top nello spazio

A
A
A
di Redazione 22 Settembre 2016 | 10:55

La Cina punta sullo spazio per rispondere ai problemi della sua viticoltura, come il freddo e la siccità che, storicamente, colpiscono le aree produttive più importanti, come Ningxia. L’agenzia spaziale di Pechino ha spedito sulla stazione spaziale Tiangong-2 esemplari di Cabernet Sauvignon, Merlot e Pinot Noir, per studiarne l’evoluzione e la risposta in situazioni estreme, nella speranza, racconta “Decanter China”, che la permanenza nello spazio possa aiutare le viti a diventare più resistenti a climi particolarmente rigidi, e ad alcune malattie. In ottobre la Cina manderà due astronauti sulla stazione, per una ricerca che durerà 30 giorni, e quando le “viti spaziali” torneranno sulla terra, saranno comparate con un campione simile che rimarrà nel vivaio del Chenggong Group sulla Terra.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X