Trump sta vincendo, i mercati crollano in tutto il mondo

A
A
A
di Luca Spoldi 9 Novembre 2016 | 07:49

DONALD TRUMP A UN PASSO DALLA VITTORIA – Seggi chiusi in tutti gli Stati Uniti e Donald Trump balza in testa in base ai primi conteggi, aggiudicandosi stati chiave come la Florida, l’Ohio, la North Carolina, l’Iowa e la Pennsylvania. Manca ancora la conferma ufficiale, ma il vantaggio è ormai pressoché incolmabile e genera una immediata e negativa reazione dei mercati finanziari mondiali, che ancora ieri avevano scommesso su una vittoria di Hillary Clinton. Per di più i Repubblicani sembrano “tenere” il Senato (perdendo solo un seggio e conservando la maggioranza) e la Camera (5 seggi persi, ma ampia maggioranza conservata), guadagnando 5 dei 9 seggi da governatore in palio (due in più rispetto alle amministrazioni uscenti). Un plebiscito “anti sistema” che getta i mercati nel panico.

MERCATI CROLLANO IN TUTTO IL MONDO – Mentre i future sull’indice S&P500 cedono oltre il 4% nelle contrattazioni automatiche prima dell’avvio della seduta regolare (che aprirà alle 15.30 ore italiana), il peso messicano crolla del 12%, la peggiore variazione quotidiana mai registrata, per il timore che Trump dia seguito alle minacce protezionistiche di cui ha infarcito la propria campagna elettorale. In calo anche tutti i mercati asiatici, con Tokyo che si avvia a chiudere con un calo superiore al 5%, mentre Hong Kong cerca di contenere a meno del 3% il calo. Cala infine il petrolio, al momento sotto i 44 dollari al barile (-2,4%).

LA LIQUIDITA’ VOLA VERSO I BENI RIFUGIO – In allungo tutti i beni rifugio: l’oro guadagna il 3,25% risalendo sopra i 1.315 dollari l’oncia, il franco svizzero e l’euro salgono di oltre il 2% sul dollaro, lo yen sfiora addirittura il 4% (e contribuisce ad affossare gli esportatori quotati sul listino di Tokyo), i T-bond vedono il rendimento calare all’1,81% sul decennale e al 2,65% sul trentennale. Tutti, indici azionari, valute e bond, tendono peraltro a ridurre l’oscillazione rispetto a questa notte quando la vittoria è apparsa possibile dopo un iniziale avvio positivo della Clinton. Passata la delusione, i mercati vorranno capire cosa realmente comporterà una vittoria di Trump che potrà contare anche su un Congresso saldamente a guida repubblicana.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti: le opportunità della duration lunga sui bond

Mercati, bond: le nuove emissioni governative e corporate sotto la lente

Mercati: Pil Usa oggi sotto i riflettori

NEWSLETTER
Iscriviti
X