Campari cede Sella & Mosca, esce dai vini fermi italiani

A
A
A
di Luca Spoldi 25 Novembre 2016 | 16:11

SELLA & MOSCA A TERRA MORETTI DISTRIBUZIONECampari vende i vini Sella & Mosca per 62 milioni di euro (di cui 57 milioni in contanti al closing e per la restante parte con un pagamento differito a quattro anni, fruttifero di interessi) a Terra Moretti Distribuzione, società che fa capo a Terra Moretti e a Simest, nella quale è previsto a breve l’ingresso di N.U.O. Capital, investment company promossa recentemente con il supporto della famiglia Cheng / Pao di Hong Kong. Insieme all’azienda vinicola sarda, Terra Moretti Distribuzione si aggiudica anche la controllata Teruzzi & Puthod, sulle cui quote è stato posto un pegno a garanzia della parte di pagamento differito, nonché i relativi vigneti, gli impianti per la vinificazione e la produzione, il magazzino e l’attivo immobiliare.

CAMPARI ESCE DAI VINI FERMI ITALIANI – Il corrispettivo pagato corrisponde ad un multiplo prospettico di 13,9 volte l’Ebitda pro-forma complessivo previsto nel 2016 per le due società (circa 4,4 milioni), entrate a far parte del gruppo piemontese nel 2002 e nel 2005. Con questa operazione Campari perfeziona l’uscita dal business dei vini fermi italiani, avviata già lo scorso anno con la cessione della cantina vinicola italiana Enrico Serafino, per concentrarsi sul business degli “spirit”.

IL MERCATO PREMIA IL TITOLO – Dopo la notizia Campari sale dell’1,62% a Piazza Affari dopo che sono passati di mano oltre 631 mila titoli a metà pomeriggio. Oltre che della notizia della cessione il titolo beneficia oggi del conferma del “buy” da parte di Berenberg, che peraltro ha limato il target price da 11,9 a 10,2 euro. Da inizio anno Campari guadagna in Borsa il 12,5%, mentre sui dodici mesi il guadagno supera l’8%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti