Cosa succede se gli obbligazionisti subordinati Mps non convertono a sufficienza?

A
A
A
di Redazione 30 Novembre 2016 | 10:45

La prima fase del piano di salvataggio di Mps è entrata ufficialmente nel vivo con la conversione volontaria in nuove azioni di 4,289 miliardi nominali di obbligazioni subordinate. I vertici del Monte dei Paschi contano di ricavare 1-1,5 miliardi di euro con questa operazione.

La banca considera poco probabile l’idea di adottare un piano alternativo a quello concordato finora con Francoforte.

Ma nel caso in cui l’intera manovra non dovesse avere successo, per l’istituto toscano – come ha sottolineato il Cfo Francesco Mele – si profilerebbe lo scenario di una ricapitalizzazione precauzionale dello Stato tramite burden sharing, meccanismo che consiste nella riduzione del valore nominale di azioni e obbligazioni subordinate e che con la nuova direttiva BRRD riguarda anche i titoli di debito più senior, come obbligazioni ordinarie e depositi superiori a 100mila euro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ma i clienti delle banche non erano “fedeli nei secoli” come i carabinieri?

Tanto per non perdere il vizio Montepaschi perde altri 3,38 miliardi

Mps, il piano Passera sacrificato sull’altare del referendum

NEWSLETTER
Iscriviti
X