Banco Bpm: in 3 sedute passato di mano il 10% del capitale

A
A
A
di Redazione 5 Gennaio 2017 | 09:17

Grandi manovre sul titolo Banco Bpm, l’istituto nato dalla fusione di Banco Popolare e Banca Popolare di Milano.

Dall’inizio dell’anno, in sole tre sedute di Borsa, l’azione della banca ha messo a segno un incremento di prezzo del 18,7%. Un movimento accompagnato anche da volumi molto sostenuti. Sono infatti passate di mano 159 milioni di azioni, pari a circa il 10% del capitale della banca.

La girandola di compravendite avrà modificato gli assetti azionari all’interno del gruppo? Ad oggi non si segnalano comunicazioni alla Consob relative a modifiche delle partecipazioni rilevanti e pertanto l’assetto di riferimento dovrebbe essere ancora quello derivante dalla lettura dei principali azionisti delle due banche pre-fusione.

Dal verbale dell’assemblea straordinaria del 15 ottobre scorso i principali soci di Bpm erano Blackrock (5%), Wrm Capital A.M. (4,9%), Dimensional Fund Advisor (4%), Norges Bank (3,112%), mentre i maggiori soci del Banco Popolare (come emerso dall’adesione all’aumento di capitale del 22 giugno) risultavano: CariLucca (2,27%), Sandro Veronesi (1,4%) e CariVerona (0,75%).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banco Bpm, Castagna: il terzo polo non ci ossessiona

Banche: il risiko sostiene il settore a Piazza Affari

Fondi, Banco Bpm amplia l’offerta di investimenti ESG

NEWSLETTER
Iscriviti
X