Un Dieselgate anche per Fiat Chrysler? Debacle del titolo in Borsa

A
A
A
di Luca Spoldi 12 Gennaio 2017 | 17:23

FCA INDIETRO TUTTA A PIAZZA AFFARI – Brusco scivolone in borsa per il titolo Fiat Chrysler Automobiles, sospeso più volte al ribasso nell’ultima ore di contrattazione, col titolo in calo a 8,695euro (-16,95%) al termine della seduta regolare con oltre 69 milioni di pezzi passati di mano, dopo un minimo di 8,33 euro. A scuotere i mercati è la notizia data dall’Agenzia di protezione dell’ambiente (Environmental Protection Agency o Epa) statunitense della prossima diffusione (avvenuta poi a mercati chiusi, ndr) di un comunicato riguardante un grande costruttore automobilistico.

IL DIESELGATE SI ALLARGA? – Secondo indiscrezioni subito rilanciate da Reuters e Cnbc, si tratterebbe appunto di Fiat Chrysler Automobiles, che sarebbe finita sotto accusa per aver truccato i dati sulle emissioni dei motori diesel riferiti a circa 100.000 veicoli venduti negli Usa dal 2014 (il comunicato ufficiale ha poi precisato trattarsi di 104 mila vetture Jeep Grand Cherokees e Dodge Ram 1500 con motore diesel da 3.0 litri venduti tra il 2014 e il 2016, ndr). Da ricordare che già da alcune settimane circolavano voci di un’inchiesta dell’Epa nei confronti di altre case automobilistiche, dopo che già Volkswagen è stata accusata l’anno scorso di aver truccato i dati di mezzo milione di test.

IL PRECEDENTE DI VOLKSWAGEN – In questo caso a Volkwagen è stata comminata una multa complessiva di 14,7 miliardi di dollari (circa 13,3 miliardi di euro) che il gruppo tedesco ha accettato di pagare lo scorso giugno. Finora Fiat Chrysler Automobiles ha sempre dichiarato di non aver mai installato alcun “defeat device” né di aver utilizzato software in grado di identificare se le vetture erano sottoposte a test consentendo di disconnettere il dispositivo, come invece sembrerebbe ritenere l’Epa. Se il gruppo italiano fosse ritenuto colpevole e dovesse essere applicato un metro analogo, la multa potrebbe dunque sfiorare i 4-4,5 miliardi di dollari (circa 3,8-4,3 miliardi di euro).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Dieselgate: Berlino prova a lasciarsi alle spalle lo scandalo

Dieselgate, cosa succede alle auto italiane?

Dieselgate anche per Fca. I target tecnici del titolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X