Carmignac: Trump è un neo-mercantilista

A
A
A
di Luca Spoldi 27 Gennaio 2017 | 11:05

TRUMP NEO-MERCANTILISTA – Il programma economico di Donald Trump non è né incoerente né imprevedibile, ma una forma molto rigorosa di neo-mercantilismo. Lo fa notare Didier Saint-George, managing director e membro del Comitato Investimenti di Carmignac aggiungendo come questa forma di nazionalismo economico non sia affatto una scuola di pensiero cresciuta solo in America. “L’idea economica dietro Brexit, o programmi economici promossi da partiti di estrema destra in Francia o in Olanda sostengono ambizioni analoghe. Non c’è alcun dubbio che il liberalismo economico e la globalizzazione abbiano avuto i propri difetti, che in parte spiegano il trend attuale”.

PIU’ INFLAZIONE E TENSIONI COMMERCIALI – Ma la domanda più pressante per i mercati, nota Saint-George, è: quali saranno le conseguenze di questa deriva verso politiche mercantilistiche? Secondo il gestore, la prima sarà l’inflazione: “La politica di Donald Trump è in corso di attuazione in un momento in cui l’inflazione è già in ripresa un po’ dovunque, a vari livelli. E se il liberalismo, la globalizzazione e l’innovazione si sono rivelate misure deflazionistiche, è probabile che il supporto ai vecchi settori industriali non competitivi attraverso le barriere tariffarie contribuirà a incrementare l’inflazione”. Ad oggi i mercati obbligazionari, nota l’esperto, “non stanno prezzando questo rischio”. La seconda conseguenza “saranno le tensioni commerciali, che potrebbero danneggiare l’attività economica globale, se non aumentare i premi al rischio politico in alcune regioni”.

CON CRESCITA USA AUMENTERA’ ANCHE INSTABILITA’ – Del resto il mercantilismo si era già esaurito per due motivi: il crescente risentimento dei partner commerciali che spesso aveva trasformato le guerre commerciali in guerre vere e proprie; inoltre gli economisti erano giunti alla conclusione di David Ricardo, secondo cui il commercio mondiale non è un gioco a somma zero e anziché lottare gli uni contro gli altri sui volumi di scambi commerciali, i vari paesi dovrebbero capire che promuovere il libero scambio è vantaggioso per tutti. Il mercantilismo dunque “genera vincitori e vinti, e quindi instabilità”. Va bene dunque investire sui probabili vincitori, come i settori ciclici e il mercato statunitense, ma fate attenzione a prepararvi per affrontare l’instabilità che seguirà.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Carmignac: “Azioni di qualità per affrontare il 2022”

Fondi, Carmignac annuncia il ritiro di Didier Saint-Georges

Asset allocation, consigli per il secondo semestre

NEWSLETTER
Iscriviti
X