Ersel rilancia il suo Fondersel Pmi in chiave PIR

A
A
A
di Redazione 8 Marzo 2017 | 10:56

Ersel lancia la sua offerta nell’ambito dei Piani Individuali di Risparmio attraverso Fondersel PMI che dal 13 marzo sarà reso ufficialmente Pir compliant. I Pir sono veicoli d’investimento nati per sostenere l’economia reale italiana e le piccole e medie imprese in particolare. A tale scopo devono rispettare alcuni vincoli d’investimento: destinare almeno il 70% del portafoglio a strumenti finanziari di società italiane o di Stati membri dell’Ue con stabile attività in Italia; di questo 70%, almeno il 30%, deve essere investito in strumenti finanziari di società italiane o di Stati membri dell’Ue con stabile attività in Italia non comprese nell’indice Ftse Mib di Borsa Italiana o in altri indici equivalenti.

Fondersel PMI (Portafoglio Mercato Italia) è lo storico programma azionario di Ersel (il suo track record risale al 1990) con un benchmark misto 50% FtseMib Total Return e 50% Ftse Mid Cap Total Return, ed è gestito con successo (è ai primi posti tra i fondi azionari italiani in termini assoluti e relativi) dal team composto da Marco Nascimbene e Carlo De Vanna. Il fondo aveva già una politica d’investimento in linea con la normativa, prevedendo una quota significativa e stabile di Mid-Small Cap in portafoglio, derivante dalla convinzione e dall’evidenza statistica che le società a medio-piccola capitalizzazione offrono rendimenti più interessanti sul medio-lungo periodo. La modifica del regolamento lo ha allineato alle prescrizioni della normativa Pir ed ha sostanzialmente esplicitato l’investimento di almeno il 21% del portafoglio in titoli esclusi dall’indice Ftse Mib.

La normativa prevede importanti agevolazioni fiscali per i Pir, ovvero l’esenzione totale dal pagamento delle imposte sul capital gain derivante dagli investimenti in questa tipologia di prodotti, che si estende anche alle imposte di successione sui dividendi e ad eventuali altri proventi a patto che gli investimenti in oggetto siano detenuti per almeno cinque anni. Tali agevolazioni sono limitate ad investimenti annui non superiori a 30.000 sino al raggiungimento dell’investimento complessivo di 150.000 euro.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti