In questo momento sono meglio i BTP o i CCT? Ecco come decidere

A
A
A
di Redazione 9 Marzo 2017 | 07:09

A diversi mesi dall’inizio della correzione dei mercati obbligazionari, Marzotto SIM ha verificato dove siano i valori dei BTP a tasso fisso, rispetto ai CCT a tasso variabile. La SIM ha indagato in particolare, da un punto di vista di valutazione teorica, se i CCT siano piu’ o meno convenienti rispetto ai BTP. Ecco i passaggi più significativi della ricerca:

I CCT con scadenza superiore al 2021 offrono uno spread meno elevato rispetto ai BTP di pari scadenza, mentre il contrario accade per i CCT con scadenza inferiore al 2020.

Un motivo di questa differenza potrebbe essere legato al fatto che i CCT piu’ brevi (in particolare quelli con scadenza 2018 e 2019), essendo stati emessi in periodi di grande turbolenza, offrono cedole nominalmente più elevate e quindi trattano sopra la pari, il che’ potrebbe incentivare alcuni investitori a venderli anche su livelli di prezzo teoricamente non convenienti (abbassando quindi il prezzo ed aumentando contestualmente spread e rendimento).

Una diretta conseguenza di questo disallineamento degli spread è che il rendimento atteso dei CCT con scadenza dal 2021 in poi è inferiore a quello dei BTP (e viceversa per i CCT con scadenza 2018 – 2019).

Chiaramente, non è detto che a conti fatti i CCT 2023 e 2024 renderanno meno dei BTP pari scadenza; tutto dipenderà infatti da come si muoveranno i tassi rispetto alle aspettative attuali.
Se l’aumento dei tassi dovesse più o meno seguire quanto attualmente atteso dai mercati (si veda tabella sottostante), chi oggi abbia investito in BTP riceverà a scadenza di più rispetto a chi abbia invece scelto un CCT.

Da un punto di vista della storia recente, i CCT a medio lunga scadenza hanno da tempo trattato su livelli di spread meno generosi rispetto ai BTP. Ciò è probabilmente dovuto, in particolare da sei mesi a questa parte, ai timori di rialzo di tassi e rendimenti, che sta spingendo molti investitori verso titoli a tasso variabile.

In conclusione, per investitori con un orizzonte temporale medio-lungo, investire in CCT ha senso solo se ci sia attende un rialzo dei tassi maggiore rispetto a quello attualmente previsto dai mercati.
Per chi ha orizzonti temporali più brevi invece, i CCT restano uno dei pochi strumenti in Europa che consentono l’investimento in titoli di stato senza incorrere nel rischio tasso (da cui probabilmente uno dei motivi principali dell’attuale sopravvalutazione).

Iscriviti QUI alla newsletter di SoldiWeb per ricevere tutti le mattine nella tua casella di posta le notizie di economia e finanza che ti servono

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, ecco perchè i Btp sono irresistibili

Bot People, la disfatta della superstar degli anni ’90

Investimenti, Btp e Bund: prospettive tra aumento dello spread e rendimenti in salita

NEWSLETTER
Iscriviti
X