Leonardo vola in borsa, un solo giudizio contro corrente

A
A
A
di Nathan Sharman 17 Marzo 2017 | 10:30

LEONARDO VIAGGIA AD ALTA QUOTA – L’andamento dei conti e le prospettive che si aprono negli Stati Uniti, dove l’amministrazione Trump sembra intenzionata a ridurre gli investimenti per la salute e l’ambiente accelerando invece le spese militari e quelle per infrastrutture, fanno bene al titolo Leonardo, tornato in borsa sui massimi dal 2008 a 14,18 euro in avvio di giornata, prima che qualche presa di profitto scattasse e facesse perdere al titolo il 2,44% riportandolo sui 13,6 euro circa.

BROKER POSITIVI CON UN’ECCEZIONE – Curiosamente, a fronte di un coro di voci positive (solo stamattina hanno rialzato il target price Barclays, che l’ha portato a 14 euro, Deutsche Bank, a 15 euro, Mediobanca e Jp Morgan, entrambe a 16 euro, e Societe Generale, a 18 euro), si è notata una sola nota negativa, quella di Equita Sim. Il broker ha infatti ridotto il giudizio a “hold”, mantenere in portafoglio, portando il target price a 14,3 euro per azione.

PROFUMO VERSO LA POLTRONA DI CEO – La cosa che ha sorpreso molti è che il presidente (e azionista) di Equita Sim è Alessandro Profumo, ex amministratore delegato di Unicredit ed ex presidente di Mps, che indiscrezioni di stampa danno in pole position per subentrare a Mauro Moretti (condannato in primo grado per la strage di Viareggio quando era a capo di Ferrovie Italiane) come amministratore delegato di Leonardo. Analisti più “realisti del re” o un segnale per dimostrare che Profumo saprà essere “super partes” ed eviterà ogni potenziale conflitto d’interessi?

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Leonardo sale in borsa dopo annuncio commessa Usa

Anche a Piazza Affari è tempo di “allerta meteo”

Equita group prepara lo sbarco sull’Aim Italia

NEWSLETTER
Iscriviti
X