Credit Suisse: la Bce potrebbe alzare i tassi prima di concludere il QE

A
A
A
di Luca Spoldi 21 Marzo 2017 | 10:52

CREDIT SUISSE: BCE POTREBBE ALZARE TASSI SU DEPOSITI – La Bce potrebbe ottenere un effetto maggiore (e più positivo) sui bilanci delle banche dell’Eurozona agendo sul tasso sui depositi che non avviando il “tapering” (rallentamento del ritmo degli acquisti sino alla definitiva interruzione, ndr) del programma di quantitative easing. Lo sottolineano stamane gli esperti di Credit Suisse in una nota in cui segnalano come al momento il mercato sembra non considerare ancora questa eventualità, visto che la probabilità implicita di un rialzo del tasso sui depositi da qui a dicembre è pari al 32% circa.

PRIMI SEGNALI DA PARTE DI NOWOTNY – Eppure, notano gli analisti, già la scorsa settimana Ewald Nowotny, membro del board della Bce, ha lanciato qualche segnale, notando come nonostante il modello americano abbia preferito terminare prima gli acquisti di bond e iniziare poi ad alzare i tassi, la Bce potrebbe non adeguarsi esattamente a tale modello. Nowotny ha anche aggiunto che “non tutti i tassi d’interesse potrebbero essere alzati simultaneamente, nè nella stessa misura” e che “la Bce potrebbe anche alzare il tasso sui depositi prima del prime rate” (il tasso che pagano le banche per le operazioni di rifinanziamento principale presso la Bce, ndr).

IMPATTO POSITIVO SUGLI UTILI DELLE BANCHE – Alcuni esponenti della Bce, inoltre, avevano già evidenziato le conseguenze non volute che i tassi ultra bassi hanno avuto sulla profittabilità delle banche europee. Al momento, notano gli analisti, il mercato “prezza” implicitamente un aumento dello 0,35% dei tassi a breve termine, che pertanto resterebbero negative in termini reali. Il modello utilizzato dagli esperti segnala che un aumento dell’1% dei tassi a breve aumenterebbe gli utili del settore bancario di circa il 9%, mentre un più modesto rialzo dello 0,4% aumenterebbe comunque gli utili di circa il 3% per quanto riguarda le banche quotate dell’eurozona.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, dividendi banche: il 23 luglio la Bce decide. I campioni del dividend yield

Risparmio gestito, Bce: the day after

Mercati, Bce: un’estate di acquisti

NEWSLETTER
Iscriviti
X