Jp Morgan e Lloyd’s pronte a lasciare Londra

A
A
A
di Luca Spoldi 30 Marzo 2017 | 13:58

LONDRA, ALTRI DUE DIRANNO ADDIO – Altri due grandi gruppi finanziari si preparano a lasciare Londra, o quanto meno ridurre la loro presenza in Gran Bretagna in conseguenza della Brexit il cui processo di negoziazione è stato formalmente avviato ieri da Theresa May con la richiesta di attivazione dell’articolo 50 del Trattato di Lisbona. Nomi che si aggiungono a un elenco che rischia di allungarsi ancora di parecchio da qui al marzo 2019, quando la Gran Bretagna sarà definitivamente uscita dal mercato unico europeo e dovrà negoziare nuovi accordi per consentire alle proprie imprese di tornare ad averne accesso.

JP MORGAN VA A DUBLINO, LLOYD’S A BRUXELLES – Secondo quanto riferisce l’agenzia Bloomberg, che cita fonti a conoscenza delle vicende, Jp Morgan Chase avrebbe iniziato a valutare l’acquisto di un palazzo nel distretto di Capital Docks a Dublino, che sarà sviluppato in joint-venture da Kennedy Wilson Holdings e dalla National Asset Management Agency irlandese, in grado di ospitare oltre mille persone una volta completato. Dal canto loro i Lloyd’s di Londra sono intenzionati ad aprire un ufficio a Bruxelles, sempre a causa dell’avvicinarsi dell’uscita del Regno Unito dalla Ue e di conseguenza dal mercato unico.

TROPPA INCERTEZZA SUI NUOVI ACCORDI – Tanto nel caso della banca americana, come dell’assicuratore inglese, lo scopo di questi “traslochi” è di continuare a seguire i numerosi clienti europei operando dall’interno del mercato unico. Nell’uno come nell’altro caso, i tempi necessari per vedere il varo di nuovi accordi commerciali tra la Gran Bretagna e la Ue sembrano infatti troppo lunghi e il risultato finale troppo incerto perché banche e assicurazioni operanti nella City possano limitarsi ad attendere l’evolversi della situazione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, continuano le incertezze nonostante l’accordo

Mirabaud AM: il 2021 potrebbe essere un anno brillante per le banche britanniche

La Brexit è fatta: che cosa attende ora gli investitori nel Regno Unito?

NEWSLETTER
Iscriviti
X