Mps, accordo quasi fatto per cessione Npl

A
A
A
di Luca Spoldi 28 Giugno 2017 | 09:43

MPS E ATLANTE 2 A UN PASSO DALL’INTESA – Sempre più vicina l’intesa tra Mps e il fondo Atlante 2 per la cessione della quota mezzanine e junior nell’ambito della cartolarizzazione da 26 miliardi di euro lordi dei crediti deteriorati (Npl) dell’istituto senese. Operazione che secondo alcune fonti informate dei fatti è ormai alle battute finali, essendo stato già raggiunto un accordo di massima anche se restano alcuni dettagli da definire prima dell’annuncio ufficiale.

26 MILIARDI LORDI DI NPL CEDUTI AL 21% – La chiusura delle trattative era del resto stata anticipato dal vice direttore generale di Banca d’Italia, Fabio Panetta, e visto che oggi, 28 giugno, scade il termine dell’esclusiva assegnata da Mps ad Atlante è possibile che un annuncio giunga già entro la fine della giornata o al più tardi domani. La cessione dovrebbe avvenie nel complesso ad un valore pari al 21% del valore lordo di libro, per complessivi 5,5 miliardi circa.

SI CERCA DI LIMARE GLI ULTIMI DETTAGLI – La tranche senior, meno rischiosa, verrebbe coperta per poco più di 3 miliardi netti dalle Gacs (le garanzie statali, ndr), mentre circa 500 milioni netti resterebbero in capo alla stessa Mps. I restanti 1,7-1,8 miliardi netti circa sarebbero rappresentati per poco più di un miliardo dalla tranche mezzanine e per circa 700 milioni dalla tranche junior, entrambe rilevate da Atlante 2 (che in cassa non dovrebbe avere oltre 1,65 miliardi, ma a questo punto la differenza, minima, non dovrebbe essere d’ostacolo, visto la posta in gioco).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mps pronta a tornare agli scambi: saranno 4,30 euro il prezzo giusto?

Crisi del credito, Credit Agricole Cariparma rileva tre casse di risparmio

Mps: 5.500 dipendenti e 600 filiali in meno per ristrutturare il business

NEWSLETTER
Iscriviti
X