Credit Suisse: i mercati incorporano nuovi rialzi dei tassi, ma siamo solo all’inizio

A
A
A
di Luca Spoldi 14 Luglio 2017 | 12:17

REFLATION TRADE GIA’ INCORPORATO NEI PREZZI – Il “reflation trade” (la scommessa che ci si avvii verso un periodo di reflazione, ossia di prezzi e tassi che tornano a crescere, ndr) è già nei prezzi dei titoli bancari europei, almeno a breve termine. Lo segnalano gli analisti di Credit Suisse notando come dopo il discorso di Mario Draghi (Bce) del 27 giugno, le minute degli ultimi meeting di Bce e Federal Reseve e l’ultima raffica di dati macro il rendimento sui Bund sia passato dallo 0,25% allo 0,55%, mentre i titoli delle banche europee hanno sovraperformato gli indici di mercato del 7%.

A LUNGO TERMINE LA CORSA E’ SOLO INIZIATA – A lungo termine, tuttavia, ci troviamo all’inizio e non certo alla fine del “reflation trade”. Le banche trattano a livelli che implicano un rialzo di circa lo 0,4% dei tassi a breve termine. Un rialzo di un punto percentuale dei tassi a breve porterebbe, secondo le stime degli esperti svizzeri, ad un incremento del 9% degli utili delle banche e renderebbe le attuali quotazioni di altrettanto più “a sconto” rispetto al multiplo corrente di 11,9 volte gli utili 2018 attesi finora.

ANCHE INTESA SANPAOLO TRA I TITOLI PREFERITI – Secondo gli analisti le banche spagnole, che da inizio anno hanno corso maggiormente, hanno per ora pienamente incorporato le attese di tassi a breve più elevati. Meglio puntare su nomi che abbiano una qualità del credito migliore dei concorrenti, siano in grado di sfruttare la situazione a loro vantaggio e siano ancora quotate a livelli di multipli non eccessivi. Tra i nomi preferiti vi sono l’italiana Intesa Sanpaolo (che dovrebbe ricevere un buon apporto in termini di futuri utili dall’acquisizione delle parti “sane” delle banche venete), le spagnole Bankia e Banco Mare Nostrum e la danese Nordea Bank.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ecco cosa vogliono gli utenti dalla banca di domani

Banche, trimestrali: ecco su quali puntare

Banche, decisa crescita semestrale per il nascente colosso svizzero Efg

NEWSLETTER
Iscriviti
X