Rimborsi banche venete: ecco regole e moduli per fare richiesta

A
A
A
di Redazione 11 Agosto 2017 | 11:37

Il Fondo di solidarietà gestito dal Fondo interbancario di tutela dei depositi ha pubblicato il regolamento che disciplina le misure di risotro per i titolari delle obbligazioni subordinate di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca protetti con il decreto di liquidazione coatta amministrativa.

Il regolamento può essere consultato a questo indirizzo internet http://www.fitd.it/Content/fds/VEN_Regolamento.pdf

Questo invece il link ai moduli da scaricare e compilare http://www.fitd.it/Content/fds/VEN_ModuloFDS.pdf

Cosa serve per presentare l’istanza

Per la presentazione dell’istanza, l’investitore può compilare il “Modulo standard di richiesta dell’indennizzo forfettario” e allegare, ai sensi dell’art. 9 comma 8 del decreto legge 59/2016 e successive modificazioni, i seguenti documenti (Allegati):

  • – il contratto di acquisto degli strumenti finanziari subordinati;
  • – i moduli di sottoscrizione o d’ordine di acquisto;
  • – l’attestazione degli ordini eseguiti;
  • – una dichiarazione sull’ammontare del reddito, ovvero sulla consistenza del patrimonio mobiliare, di cui all’art 9 commi 1 e 2 del decreto 59/2016 e successive modificazioni, con le modalità previste dal medesimo articolo al comma 8, lettera e). Tale dichiarazione deve essere resa ai sensi degli artt. 46 e 47 del Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, e deve contenere espressa dichiarazione di consapevolezza delle sanzioni penali previste in caso di dichiarazioni non veritiere e falsità negli atti a norma dell’art. 76 del citato DPR.

Devono essere, altresì, allegati i seguenti documenti:

  • – copia di un documento di identità in corso di validità;
  • – copia del mandato o della procura conferita, nel caso in cui l’istanza sia presentata al FITD tramite Associazioni di Consumatori, Studi legali o altri intermediari;
    estratto conto titoli che comprovi la detenzione degli strumenti finanziari subordinati al 25 giugno 2017;
  • – in caso di successione: certificato di morte e dichiarazione di successione o, in mancanza, una dichiarazione sostitutiva della stessa.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, obbligazioni: quando i minimi diventano un’opportunità

Investimenti, gradi di difficoltà: medio il 2021, medio-alto il 2022, alto il 2023

Mercati, obbligazioni a pieno regime

NEWSLETTER
Iscriviti
X