Banca Popolare di Spoleto, bye bye Piazza Affari. Cosa succede alle azioni?

A
A
A
di Redazione 18 Agosto 2017 | 11:29

Le azioni Banca Popolare di Spoleto, dopo quasi 4 anni di sospensione (da settembre 2013) stanno per dire addio a Piazza Affari. A farlo sapere la stessa banca in un prospetto relativo al programma di offerta di obbligazioni depositato in Consob l’8 agosto.

“A seguito delle più recenti interlocuzioni intervenute con Borsa Italiana, l’emittente ritiene probabile che le azioni possano essere revocate dalla quotazione nell’Mta. In tal caso, la banca perderebbe lo status di società quotata su un mercato regolamentato”, si legge. Come detto, le azioni sono sospese “a tempo indeterminato” dalle negoziazioni in base al provvedimento di Borsa Italiana del 19 settembre 2013.

Il 20 ottobre scorso Palazzo Mezzanotte aveva comunicato alla Popolare di Spoleto di aver dato avvio alla procedura di revoca dalla quotazione delle azioni ordinarie in considerazione dell’assenza di un flottante minimo pari ad almeno il 10% del capitale della banca. “Sulla base delle risultanze permane un flottante inferiore al 10% richiesto da Borsa Italiana per la riammissione alle negoziazioni.

Una volta disposta tale revoca, la riammissione sul listino milanese sarebbe più complessa. L’eventuale ritorno agli scambi dovrebbe, infatti, essere sottoposto al procedimento di ammissione alle negoziazioni previsto per le società non quotate e alle autorizzazioni delle competenti autorità (Consob e Borsa Italiana). Ma per ora la banca non ha preso alcuna decisione a riguardo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X