Bitcoin, la Cina farà scoppiare la bolla?

A
A
A
di Luca Spoldi 18 Settembre 2017 | 10:43

BITCOIN, LA BOLLA STA ESPLODENDO? – La bolla dei Bitcoin sta scoppiando? Con una chiusura a 3,673,91 dollari la più famosa (ma non unica) criptovaluta al mondo venerdì sera ha evitato il peggio e stamane prova anche a risalire a 3,956,03 dollari, ma aver toccato un minimo venerdì di 2,981,05 dollari, secondo i dati riportati dal sito Coindesk.com, alla notizia che la Cina è seriamente intenzionata, dopo che la People’s Bank of China, ossia la banca centrale cinese, ha già bloccato le Ico (Initial coin offering, offerte con cui vengono raccolti capitali in valuta “tradizionale” attraverso nuove emissioni di criptovalute, ndr), a vietare anche l’utilizzo di criptovalute fa capire quanto elevata sia ormai la tensione.

PERDITE TRA IL 20% E IL 40% DA INIZIO MESE – Solo il 2 settembre, infatti, i bitcoin avevano toccato un massimo storico di 5.013,91 dollari, rispetto al quale le quotazioni di stamane segnano un calo del 21%, mentre il minimo di venerdì mostrava una variazione negativa dal picco pari al 40,5%. Chi prova dunque ad “approfittare” del tracollo dei bitcoin deve attendersi variazioni, positive o negative, nell’ordine anche del 20% nell’arco di una o due sedute.

BTCCHINA CHIUDERA’ GLI SCAMBI – Del resto, come ricorda il Financial Times, BTCChina, una delle principali piattaforme cinesi su cui è possibile scambiare bitcoin, ha annunciato che a fine settembre interromperà le sue attività, mentre non è chiaro se gli altri due maggiori operatori, OKCoin e Huobi, continueranno a operare o seguiranno l’esempio di BTCChina. La scorsa settimana anche Jamie Dimon, amministratore delegato di Jp Morgan Chase e tra i più influenti banchieri al mondo, aveva lanciato l’allarme definendo i bitcoin “una frode” più adatta ai commercianti di droga e ai criminali che alla comunità degli affari.

I MONITI DI BANCHIERI E REGOLATORI – Ulteriore campanello d’allarme, peraltro ignorato dai sostenitori dei bitcoin che sembrano anzi voler vedere a tutti i costi una “congiura” ai danni delle criptovalute, è stato poi azionato dalla Bank of England che la scorsa settimana ha messo in guardia dai rischi legati all’investimento in bitcoin. Tutto questo polverone se non altro ha riportato d’attualità un tema mai risolto: le criptovalute come i bitcoin sono una classe di asseet ad alto rischio o possono essere considerate anche valute a tutti gli effetti e come tali utilizzate per preservare valore? A giudicare dai segnali attuali, la risposta sembrerebbe poter essere più probabilmente la prima che non la seconda.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bank Of England bacchetta i risparmiatori sui Bitcoin

La Bank of England spinge sul Qe

Anteprima sulla BoE: aumento di Qe, tassi invariati

NEWSLETTER
Iscriviti
X