Generali Italia e H-Farm puntano sulla salute digitale

A
A
A
di Luca Spoldi 28 Settembre 2017 | 13:19

LA SALUTE DIGITALE ATTRAE LE STARTUP – Anche nel settore sanitario e della salute il digitale va sempre più prendendo piede. L’ultima conferma viene dall’annunciato lancio di un programma di accelerazione per startup innovative italiane e internazionali che sviluppano soluzioni pronte da proporre al mercato, legate ai settori della prevenzione, dell’accessibilità alle cure, del trattamento e dell’innovazione, facendo leva su tecnologie emergenti ed esplorando nuovi modelli di business.

H-FARM E GENERALI SVILUPPANO NUOVE IDEE – A promuovere il nuovo programma (Generali Health&Welfare Accelerator) sono Generali Italia e H-Farm, che in questi giorni ha anche visto diventare esecutivo l’accordo di programma tra Regione Veneto, Comune di Roncade, Comune di Quarto d’Altino, Città Metropolitana di Venezia e Società Cattolica Beni Immobili per la realizzazione del nuovo H-Campus.

NUOVO PROGRAMMA DI ACCELERAZIONE – Le startup che intendono candidarsi al programma (della durata di 4 mesi e che prevede oltre ad attività di mentoring e tutoring e ad uno spazio di lavoro messo a disposizione di ciascuna startup, un primo investimento “seed” di 10 mila euro) dovranno presentare la propria candidatura entro il prossimo 5 ottobre. L’interesse di Generali e H-Farm per il settore è giustificato ampiamente dai numeri che la “digital health” (ossia l’applicazione di tecnologie digitali hardware e software nei settori della salute e del welfare) sta registrando.

UN SETTORE CHE CRESCE A DOPPIA CIFRA – Arrivata già a 6,1 miliardi di euro di investimenti lo scorso anno a livello mondiale, il comparto dovrebbe registrare una ulteriore crescita del 22% entro il 2022 (ma alcuni settori come la sanità mobile potrebbero vedere gli investimenti salire anche del 34%). Nella sola Italia, dove già oggi circa l’1,1% della spesa sanitaria è destinata alla digital healt”, il governo prevede che la spesa sanitaria nel 2020 supererà i 118 miliardi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti