Mps, forse lunedì prossimo titolo torna agli scambi

A
A
A
di Luca Spoldi 18 Ottobre 2017 | 08:00

MPS, ULTIMI GIORNI DI SOSPENSIONE? – La prima quindicina di ottobre è passata, i riflettori della stampa nazionale sono tornati sulla dolorosa vicenda legata alla morte dell’ex capo dell’area comunicazione della banca senese, David Rossi (un caso in cui, per il perito della famiglia, non torna “anzitutto” la dinamica della precipitazione), ma per ora il titolo Mps resta sospeso dagli scambi a Piazza Affari. Potrebbero tuttavia essere gli ultimi giorni di sospensione.

SI ATTENDE NULLA OSTA CONSOB – Oggi sono infatti tornate a circolare voci di un imminente “ritorno” alle quotazioni, che potrebbe avvenire già all’inizio della prossima settimana in caso di possibile nulla osta della Consob entro la giornata di venerdì prossimo. I tempi sembrano del resto in linea con quanto di recente riferito a “due fonti che stanno seguendo il dossier” citate dall’agenzia Reuters.

ENTRO FINE MESE CONCAMBIO PARZIALE AZIONI/BOND – Il 5 ottobre scorso è stato annunciato il prossimo lancio, per conto del Tesoro, di un’offerta pubblica volontaria di scambio parziale sulle azioni derivanti dal “burden sharing” con cui obbligazioni subordinate per oltre 2 miliardi emesse nel 2008 in mano ad investitori retail sono state convertite, appunto, in nuove azioni dell’istituto senese. Chi aderirà all’operazione (che dovrebbe partire entro fine mese e durare circa 3 settimane), propedeutica al ritorno del titolo Mps in borsa, dovrà consegnare i titoli per ricevere in cambio una obbligazione senior. Nell’ipotesi di massima adesione all’offerta il Tesoro salirà al 67,76% dall’attuale 52,18% del capitale della banca.

TITOLO PUO’ VALERE ATTORNO A 4,2-4,3 EURO – Si noti che mentre la conversione di bond subordinati in azioni è avvenuta al prezzo di 8,65 euro, il Tesoro ha sottoscritto nuovi titoli (nell’ambito della ricapitalizzazione precauzionale) a 6,49 euro. Visto il “recovery rate” (49,5%) emerso nell’asta dei Cds sulle obbligazioni subordinate di Mps del 21 settembre scorso, gli analisti ipotizzano che il mercato valuti il titolo Mps appunto il 49,5% di 8,65 euro, ossia 4,28 euro, non distante dai valori espressi nelle ultime settimane dal mercato “over the counter” (4,20 euro). A quel punto saranno poi l’andamento dei conti, le prospettive del business e l’evoluzione del capitale azionario con la prevista graduale discesa del Tesoro a incidere sulla valutazione di borsa del titolo Mp.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, dividendi banche: il 23 luglio la Bce decide. I campioni del dividend yield

Investimenti: c’è del buono nelle banche italiane

Banche, c’è bisogno di un cambio di rotta

NEWSLETTER
Iscriviti
X