Mps ritorna in Borsa: ecco cosa fare con le azioni

A
A
A
di Redazione 25 Ottobre 2017 | 11:09

Il grande giorno è arrivato e i titoli azionari di Monte dei Paschi di Siena (Mps) tornano a Piazza Affari. Le azioni per la gran parte sono frutto della conversione in azioni delle obbligazioni subordinate dell’istituto toscano che, nell’ambito di un doloroso piano di risanamento, ha trasformato gran parte del proprio debito, cioè i bond, in capitale.

Il valore delle singole azioni dovrebbe essere praticamente dimezzato rispetto 8,65 cui sono state assegnate. In un articolo scritto sul web di Giuseppe D’Orta, l’Aduc consiglia ai risparmiatori che si sono visti assegnare le azioni in cambio dei bond subordinati di vendere i titoli per diversi motivi.

1) I portatori dei bond subordinati, sottolinea D’Orta nel sito delll’Aduc, sono quasi sempre comuni risparmiatori, spessissimo clienti del Mps, i quali credevano di detenere normali obbligazioni della banca. Non hanno le capacità, tecniche e personali, per maneggiare azioni. Se si è comuni risparmiatori, e ci si trova per le mani uno strumento che non si conosce, occorre liberarsene immediatamente. Ciò al di là di qualsiasi altra considerazione.

2) I detentori dei bond stanno soffrendo da molto tempo, e vendere le azioni rappresenta un primo passo -seppur doloroso- verso la soluzione del problema.

3) Nel caso in cui le azioni scendessero ancora di prezzo in futuro, l’ulteriore perdita di valore potrebbe non essere riconosciuta in un eventuale giudizio poiché la scelta di mantenerle in portafoglio è stata del risparmiatore, e non è conseguenza diretta della conversione del bond in capitale.

4) Ancora, nel caso in cui le azioni scendessero ancora, persone non abituate a maneggiarle e incapaci di venderle a – 50% circa non le venderebbero mai più.

5) Ma se il prezzo delle azioni dovesse risalire? “Per compensare una perdita del 50%”, fa notare l’Aduc, “occorre un rialzo del titolo pari al 100%. Il comune risparmiatore non è in grado di sopportare perdite come quelle di cui stiamo parlando, per importo e per tipologia. Si corre pertanto il serio rischio di vendere al primo rialzo che porta il titolo in verde”.

6) Infine, ma non meno importante: la strada per rifarsi passa per quasi tutti per i ricorsi all’Arbitro della Consob (Acf) cioè le cause vere e proprie.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulenza e rendiconti Mifid 2, la stroncatura dell’Aduc

Spauracchio investimenti, dopo i diamanti arriva l’allarme francobolli

Diamanti, si ritiri chi può

NEWSLETTER
Iscriviti
X