UBP sfodera una nuova strategia sul debito sovrano emergente

A
A
A
di Redazione 27 Ottobre 2017 | 15:31

Union Bancaire Privée (UBP) amplia ulteriormente la propria offerta nell’ambito dei mercati emergenti con il lancio di una strategia incentrata sul debito sovrano: l’UBAM – Emerging Market Sovereign Bond.

Il nuovo prodotto, gestito da Thomas Christiansen, è basato su un approccio innovativo che utilizza una ricerca interna e un’analisi tematica su vasta scala per determinare l’interazione tra i fattori macro globali e i fondamentali dei paesi in questione, identificando e accedendo così a fonti supplementari di alfa.

Tale strategia sul debito sovrano emergente utilizza un metodo di selezione dei titoli sia di tipo top-down, sia bottom-up al fine di offrire un’esposizione alle obbligazioni sovrane e quasi sovrane denominate in valuta forte. Il suo universo d’investimento è composto principalmente da emittenti che si trovano nei paesi emergenti.

Il lancio di questa nuova soluzione consente a UBP di completare la sua offerta di fondi obbligazionari sui mercati emergenti che comprende già tre strategie sul debito societario (UBAM – EM Investment Grade Corporate Bond, UBAM – Emerging Market Corporate Bond, UBAM – EM High Yield Short Duration Corporate Bond) e una “unconstrained”, ossia senza vincoli di mercato e molto flessibile in termini di gestione delle esposizioni (UBAM – Emerging Market Debt Opportunities).

Commentando il lancio, Denis Girault, responsabile del team Obbligazioni mercati emergenti presso UBP, ha dichiarato: “il lancio di questa nuova strategia riflette la richiesta significativa e costante da parte degli investitori di un’esposizione sui mercati emergenti. Riteniamo che il nostro approccio, che combina un’analisi tematica top-down e bottom-up, sia ideale per aiutare gli investitori a beneficiare di un segmento molto interessante e ricco d’opportunità dell’universo d’investimento”.

La strategia è disponibile per gli investitori in Austria, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Norvegia, Paesi Bassi, Regno Unito, Spagna, Svezia e Svizzera.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Il rischio legato al debito sovrano dopo il virus

Il problema principale dell’Italia rimarrà il debito sovrano

Debito sovrano, le preoccupazioni dell’Fmi

NEWSLETTER
Iscriviti
X