Cerved, risultati visti in crescita nel 2018 grazie al business Npl

A
A
A
di Luca Spoldi 30 Ottobre 2017 | 11:35

ANCHE CERVED FA AFFARI CON GLI NPL

Si parla molto, da mesi, del mercato italiano degli Npl,  ossia dei crediti deteriorati che gradualmente le banche italiane stanno iniziando a smobilizzare. A fronte della necessità degli istituti di fare ulteriori “pulizie di bilancio”, anche su pressione della Bce, per operatori come Cerved si profila l’opportunità di realizzare profitti interessanti occupandosi della gestione delle posizioni collegate. Sull’argomento è intervenuto Marco Nespolo, amministratore delegato di Cerved (oggi in rialzo di oltre il 2% in borsa a Milano), che durante la conference call di presentazione dei risultati relativi ai nove mesi ha fatto il punto sulle operazioni effettuate di recente e su quelle per cui Cerved resta in corsa.

EBITDA AGGIUNTIVO DA PARTNERSHIP CON MPS E BPB

Dall’accordo firmato lo scorso agosto con Quaestio Sgr (per conto del fondo Atlante 2) e Mps per gestire i crediti “non performing” della banca senese il Cerved si attende un Ebitda aggiuntivo attorno ai 20 milioni nel 2018. Dalle inadempienze probabili che già fanno capo all’istituto toscano Nespolo prevede possano poi generarsi circa 2 miliardi l’anno di nuovi Npl. Dopo l’accordo in Toscana, Cerved a settembre ha anche siglato una partnership in Puglia con la Banca popolare di Bari per acquisirne la piattaforma di gestione, operazione che dovrebbe generare un Ebitda aggiuntivo di altri 3 milioni circa, sempre nel 2018.

ACCORDO IN ARRIVO PER REV, SI GUARDA A SGA

Cerved verrà poi coinvolta per una quota degli Npl in capo alla Rev, (veicolo finanziario in cui sono confluiti gli Npl delle “risolte” Banca Popolare di Etruria e Lazio, Banca Marche, CariFerrara e Carichieti). Nespolo spera inoltre che il gruppo da lui guidato possa essere coinvolta anche nella gestione degli Npl confluiti nella Sga ed originariamente in capo alle ex popolari venete Banca popolare di Vicenza e Veneto Banca, mentre ha segnalato come Cerved non sia stato ammesso alla fase finale della gara per l’acquisizione del portafoglio di Npl e della relativa piattaforma di gestione di Banca Carige.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Carige, anni di crisi e futuro incerto

Codacons, class action contro Banca Carige

Consulenza e private banking, la svolta di Banca Carige (e Cesare Ponti)

NEWSLETTER
Iscriviti
X