Altro che bene rifugio, l’oro è sempre più un metallo “high tech”

A
A
A
di Luca Spoldi 9 Novembre 2017 | 09:23

DOMANDA D’ORO FRENA ANCORA

Nonostante le tensioni non siano mancate in questi mesi, i beni rifugio continuano a non brillare particolarmente. Ne è una prova l’andamento dell’oro, la cui domanda nel terzo trimestre ha registrato una flessione del 9% su base annua a 915 tonnellate. Nei primi nove mesi dell’anno la domanda d’oro è calata 12%.

MENO RICHIESTE PER ETF E GIOIELLI

Gli Etf che puntano sul metallo biondo hanno avuto un altro trimestre di afflussi positivi, ma con una domanda pari a 18,9 tonnellate la loro influenza di è fortemente ridotta rispetto al terzo trimestre 2016 (quando avevano contribuito alla domanda mondiale di oro per 144,3 tonnellate), secondo i dati diffusi dal World Gold Council che sottolinea anche come il settore della gioielleria (-3%) ha contribuito per 17 tonnellate al declino da inizio anno.

BANCHE CENTRALI FANNO INCETTA D’ORO

La domanda di oro proveniente dagli altri settori si è invece rafforzata, compensando in parte gli effetti negativi di cui sopra: le banche centrali sono state acquirenti nette di oro per 111 tonnellate (+ 25% su base annua) mentre la domanda di lingotti e monete d’oro, guidata in buona parte da acquirenti cinesi, è aumentato del 17% (a 222,3 tonnellate).

UTILIZZI SEMPRE PIU’ TECNOLOGICI

Infine il volume di oro utilizzato in ambito tecnologico è salito per il quarto trimestre consecutivo, trainato dalla forte domanda di led e dalla continua crescita nell’uso di sensori 3D negli smartphone di ultima generazione. Per il metallo biondo il futuro sarà sempre più “high-tech” e sempre meno legato ad una percezione di “bene rifugio”?

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X