State Street rafforza l’offerta ESG con una nuova soluzione di Data & Analytics

A
A
A
di Redazione 20 Novembre 2017 | 10:50

State Street ha annunciato oggi di aver rafforzato il proprio portafoglio di soluzioni ESG (environmental, social e governance) grazie al lancio di ESGXSM, un nuovo strumento di analisi progettato per offrire informazioni che possano aiutare i clienti ad accrescere il livello di trasparenza e standardizzazione dei loro investimenti ESG. State Street ha inoltre reso noto di aver stretto partnership con nuovi fornitori di dati, tra cui Arabesque, per integrare l’accordo già in essere con TruValue Labs, annunciato all’inizio di quest’anno. ESGX offre ai clienti la possibilità di ricevere i propri dati ESG da qualsiasi fornitore di dati con cui State Street collabora.

ESGX, sviluppato da State Street Global ExchangeSM, divisione di State Street specializzata in data & analytics, offrirà ai clienti una piattaforma per valutare l’esposizione ai fattori ESG all’interno dei loro portafogli, come ad esempio la presenza di carbonio, il tipo di mano d’opera impiegata presso i fornitori e le statistiche sulla diversity nei board. I clienti potranno anche modificare i report, che possono essere aggiornati quotidianamente, evidenziando come gli aspetti ESG di un portafoglio si siano evoluti nel tempo.

“Avere visibilità sugli aspetti non finanziari di una società sta diventando un fattore di crescente importanza per il sempre maggior numero di investitori e autorità regolamentari che comprendono l’impatto dei fattori ESG sui rischi e sui rendimenti”, ha affermato John Plansky, responsabile globale di State Street Global Exchange. “Alla base della valutazione di un’azienda c’è la divulgazione di informazioni rilevanti; per questo è fondamentale che noi portiamo sul mercato nuove tecnologie in grado di offrire maggior trasparenza a quei clienti che cercano di meglio comprendere i propri portafogli di investimento in chiave ESG”.

Gli asset ESG in gestione a livello globale sono saliti a circa 23.000 miliardi di dollari nel 2016, con un incremento del 25% rispetto al 2014. Secondo un recente studio condotto da State Street, se da un lato stiamo assistendo alla diminuzione dei tradizionali ostacoli agli investimenti ESG, dall’altro una delle barriere più rilevanti è la mancanza di dati trasparenti, standardizzati e di qualità. Il business ESG Solutions di State Street, che è incluso nella nuova piattaforma analitica ESGX, offrirà anche Arabesque S-Ray. Quest’ultima è una tecnologia basata su algoritmi che analizza la sostenibilità della performance della maggiori società quotate al mondo utilizzando modelli quantitativi basati sull’autoapprendimento e sui punteggi dei dati per misurare il risk management e la compliance.

“Riteniamo che i dati ESG forniscano una nuova dimensione d’investimento, offrendo agli investitori più informazioni rispetto al passato in merito al DNA di una società”, ha affermato Andreas Feiner, responsabile di ESG Research di Arabesque. “Siamo lieti di collaborare con State Street per offrire lo strumento di analisi da noi sviluppato”. “Gli investitori vogliono ottenere buone performance e, allo stesso tempo, agire in modo responsabile;pertanto hanno bisogno di accedere ai dati ESG per poterlo fare in maniera efficace”, ha dichiarato Mark McDivitt, responsabile ESG Solutions di State Street Global Exchange. “I clienti ci dicono costantemente che hanno bisogno di metodi affidabili per misurare l’esposizione ai fattori ESG non finanziari. L’utilizzo congiunto del nostro strumento di analisi ESGX e le soluzioni relative ai dati ESG darà loro accesso a una serie di informazioni che in precedenza non esistevano”.
Per saperne di più sulla piattaforma di analisi ESGX e sulle Soluzioni ESG di State Street cliccare qui.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation, ecco come posizionare i portafogli dopo la recente discesa

Asset allocation: i driver per il 2022 secondo Generali Investments

Asset allocation: mai combattere la Fed, ma nemmeno far finta di niente

NEWSLETTER
Iscriviti
X