Scenario positivo ma meno favorevole alle borse nel 2018

A
A
A
di Luca Spoldi 19 Dicembre 2017 | 12:42

Crescita meno forte che nei Novanta

La crescita economica mondiale nel 2017 è stata la migliore da dopo la crisi del 2008 ed è verosimile che proseguirà anche l’anno venturo, grazie ad una ulteriore crescita degli investimenti e a un andamento positivo dei consumi. Ciò nonostante, secondo Mercer, società d’investimento controllata da Marsh & McLennan che gestisce fondi pensione e investimenti alternativi per oltre 213 miliardi di dollari, negli Usa dovrebbe rimanere più debole della ripresa vista negli anni Novanta, in parte per fattori demografici meno favorevoli e per il minor incremento della produttività e in parte per la difficoltà di misurare correttamente l’apporto delle nuove tecnologie al Pil.

Attenzione alla politica monetaria

A livello mondiale secondo gli esperti di Mercer sarà la politica monetaria a rappresentare il principale rischio di rallentamento, soprattutto nel caso di una Federal Reservse troppo “aggressiva” (al momento gli analisti si attendono 3 o 4 ulteriori rialzi dei tassi sul dollaro l’anno venturo). Mercer ritiene infatti che siamo all’inizio di un periodo pluriennale di uscita dai quantitative easing e dai tassi negativi per i mercati sviluppati, in un processo di “normalizzazione” che negli Usa sta già iniziando a ridurre l’attivo di bilancio della Fed dopo anni di espansione, mentre il processo resta più indietro in Europa e in Giappone.

Le valutazioni iniziano a essere elevate

Per i mercati azionari, i ritorni più elevati del previsto degli ultimi anni potrebbero significare ritorni più deboli a medio termine, soprattutto negli Usa, visto che se a breve (1-2 anni) le valutazioni azionarie non giocano un grande ruolo nel determinare i ritorni conseguenti, a medio termine (5-10 anni) hanno un impatto significativo e al momento, con un Cape (Cyclical adjusted price earning, ossia rapporto prezzo/utili rettificato per i fattori di ciclo, ndr) pari a 30, per Wall Street sembrano esservi bassi ritorni reali in vista per il prossimo decennio.

Bilanciamento rischi meno favorevole

Ciò non sta a indicare una previsione, precisano gli analisti, che sottolineano come molte azioni non Usa sembrano ancora attraenti anche in termini di valutazioni, piuttosto “che il bilanciamento dei rischi è meno favorevole di quanto è stato finora, e che i mercati azionari potrebbero rivelarsi vulnerabili se le previsioni economiche si dimostrassero troppo ottimistiche o i tassi d’interesse salissero in modo sensibile”. Se non è un invito a mostrare una maggiore prudenza nell’investimento azionario, d’ora in avanti, poco ci manca.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Perché rimaniamo sul treno in corsa (dei mercati azionari)

La strada verso la ripresa sarà più accidentata del previsto

Dopo i sorteggi Champions Juve poco mossa in borsa

NEWSLETTER
Iscriviti
X