Economia accelera in eurolandia ma la Bce non si muoverà: come approfittarne

A
A
A
di Luca Spoldi 24 Gennaio 2018 | 11:14

Eurozona: indice Pmi sale a gennaio

Inizio 2018 sotto i migliori auspici per l’economia dell’eurozona: l’indice Pmi elaborato da Markit mostra infatti un rialzo a 58,6 punti dai 58,1 punti di dicembre, riaccendendo le speranze per una ulteriore accelerazione dell’attività economica dell’eurozona che possa riavvicinare anche l’inflazione al 2% annuo che la Bce considera desiderabile (e che una volta raggiunto potrebbe segnare l’avvio della fase di “normalizzazione” della politica monetaria nel vecchio continente).

La Bce non si muoverà ancora

La Bce si riunisce domani ma nessuno prevede che verrà annunciato né un ulteriore taglio degli acquisti di bond sul mercato (che dovrebbero mantenersi sui 30 miliardi al mese sino a settembre), né tanto meno un rialzo dei tassi, tuttora negativi sui depositi. Anche per questo il cambio euro-dollaro segna 1,234, il massimo da fine 2014.

Come approfittare dei movimenti del dollaro

Per gli investitori che volessero scommettere su un ulteriore indebolimento del dollaro contro euro, senza volersi assumere rischi sulle oscillazioni dei prezzi dei bond denominati in valuta Usa, è possibile utilizzare strumenti indicizzati quali ad esempio Boost Short Usd Long Eur 5x Daily Etp, che con un moltiplicatore di 5 volte consente amplificare (beneficiandone) i movimenti ribassisti del dollaro ovvero rialzisti dell’euro.

Attenzione a scegliere l’Etp giusto

Per chi invece puntasse su un rimbalzo del biglietto verde, si potrebbe optare per un prodotto come Boost Long Usd Short Eur 5x Daily Etp, analogo al precedente ma che beneficia dei movimenti rialzisti del dollaro ovvero ribassisti dell’euro. In questo caso stamane a fronte di un nuovo indebolimento del biglietto verde, il primo Etp sta guadagnando il 2,58%, mentre il secondo sta cedendo il 2,59%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Le tre variabili per la Germania

Asset allocation, obbligazioni: le differenze che occorre considerare

Mercati: fin che la barca va…

NEWSLETTER
Iscriviti
X