Cattolica Assicurazioni: gli obiettivi del piano 2018-2020

A
A
A
di Luca Spoldi 29 Gennaio 2018 | 11:12

Cattolica Assicurazioni non si emoziona in borsa

Cattolica Assicurazioni senza particolari brividi stamane, col titolo che a Piazza Affari si conferma attorno a 10,64-10,65 euro per azione, sui livelli di venerdì, quando sono passati di mano poco meno di 1,5 milioni di pezzi. La compagnia assicuratrice presenta stamane il proprio piano industriale 218-2020 che prevede a fine piano un utile operativo di 375-400 milioni, in crescita del 60% rispetto al dato 2016.

Nuovo piano industriale punta a maggiore redditività

Il Roe operativo dovrebbe risultare pari o superiore al 10% (con un incremento di 4 punti percentuali rispetto al 2016), mentre il dividendo per azione è fissato ad almeno 50 centesimi (in questo caso con un incremento di circa il 50%). Tali risultati verranno conseguiti mantenendo un’elevata solidità finanziaria del gruppo, con un Solvency II ratio compreso tra 160% e 180%. Per centrare i propri obiettivi la strategia di Cattolica Assicurazioni punta su tre pilastri: crescita profittevole, eccellenza tecnica e innovazione.

Focus su Vita e Danni non auto

In particolare, Cattolica Assicurazioni intende migliorare le proprie performance tecniche di redditività, in particolare nei rami Vita e Danni non auto, aumentare la produttività semplificando e automatizzando i processi, diversificare il mix di prodotto rafforzando al tempo stesso i canali distributivi e aumentare il grado di innovazione tecnica grazie a telematica e digitalizzazione.

Si farà leva su partnership con Banco Bpm

La partnership siglata di recente con Banco Bpm, sottolinea una nota, permetterà a Cattolica Assicurazioni di effettuare “un importante salto dimensionale grazie alla capillarità della rete e alle forti competenze del terzo gruppo bancario italiano”. Sono inoltre già state apportate modifiche importanti all’offerta di prodotti nel business Vita, è stata ridotta l’esposizione ai titoli governativi italiani ed è stato emesso a condizioni vantaggiose per il gruppo un prestito obbligazionario Tier 2 pari a 500 milioni di euro: risultati che costituiscono “un’eccellente base di partenza par il raggiungimento degli obiettivi del piano industriale”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti