Criptovalute, fronte compatto contro le truffe

A
A
A
di Redazione 31 Gennaio 2018 | 16:22

Contenuto tratto da www.bluerating.com

Dopo l’exploit delle proposte di investimento in materia di criptovalute, tema sul quale la stessa Consob aveva posto il faro qualche settimana fa, iniziano a emergere operazioni di “contenimento” razionale della pubblicità dedicata, data la ben nota deriva scam di parte di questa.

A prendere posizione in tal senso è il gigante dei social network, ovvero Facebook, che ha annunciato di recente, ripreso dal Washington Post, che non pubblicherà annunci per prodotti finanziari che sono frequentemente associati a pratiche promozionali ingannevoli, in particolare valute virtuali e offerte iniziali di monete, una tattica di raccolta fondi utilizzata dalle nuove criptovalute per attirare nuovi investitori. Il divieto di Facebook arriva nonostante l’amministratore delegato Mark Zuckerberg abbia recentemente sposato i potenziali benefici delle criptovalute, (all’inizio dell’anno ha affermato che tendenze come la criptovaluta “prendono il potere dai sistemi centralizzati e le rimettono nelle mani delle persone” e che studieranno come potrebbero essere utilizzate su Facebook), una scelta che ribadisce quindi la netta distinzione tra il valore delle criptovalute e il tema delle truffe a esse associate.

Vogliamo che le persone continuino a scoprire e conoscere nuovi prodotti e servizi attraverso le pubblicità di Facebook senza temere truffe o inganni“, ha scritto Rob Leathern, un direttore di gestione prodotti di Facebook, in un post su Twitter (!). Come dargli torto, verrebbe da dire. Anche nella scelta di usare Twitter.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bitcoin valuta legale: i dubbi dell’Fmi sulla decisione di El Salvador

Generali dice no ai Bitcoin

Bank Of England bacchetta i risparmiatori sui Bitcoin

NEWSLETTER
Iscriviti
X