Unicredit colloca tranche sofferenze, attende i conti del 2017

A
A
A
di Luca Spoldi 7 Febbraio 2018 | 17:16

Unicredit si fa vedere

Finale di giornata in accelerazione per Piazza Affari, grazie a un’apertura positiva di Wall Street che sembra intenzionata a recuperare nuovamente terreno interrompendo, almeno per ora, la correzione scattata venerdì scorso e proseguita lunedì. Tra i titoli più in luce a Milano vi sono i bancari e tra questi Unicredit, che rimbalza del 2% a 17,34 euro per azione, salendo nuovamente sopra il 10% di guadagno da inizio anno.

Riflettori su cessione sofferenze

I riflettori sono puntati sul gruppo guidato da Jean Pierre Mustier che domani pubblicherà i conti 201 e che oggi ha annunciato di aver collocato sul mercato 617,5 milioni dei 650 milioni della tranche di classe A del portafoglio Fino (la parte rimanente è stata trattenuta dalla banca). I titoli, che beneficiano della Gacs (garanzia pubblica) e godono di un rating “A2” di Moody’s e “BBB (high”) di Dbrs, sono stati prezzati alla pari, con una cedola pari all’1,5% sopra l’Euribor a 3 mesi.

C’è attesa anche per i dati di domani

Dopo la transazione la posizione di Unicredit nel progetto Fino, al quale erano stati ceduti l’anno scorso sofferenze lorde complessive per 17,7 miliardi di euro ai veicoli costituiti da Fortress (Fino 1 e Fino 2) e Pimco (Onif), si è ridotta a meno del 20%. Quanto ai risultati di domani, il consensus degli analisti si attende che Unicredit abbia chiuso il 2017 con un utile netto di 5,2 miliardi di euro, tenendo conto della plusvalenza legata alla cessione di Pioneer di 2,1 miliardi.

Quarto trimestre visto in utile per 523 milioni

Il margine di intermediazione è previsto pari a 19,4 miliardi, il risultato di gestione a 5,3 miliardi. Nel solo quarto trimestre l’utile netto dovrebbe risultare attorno ai 523 milioni, il margine di intermediazione ai 4,71 miliardi e il risultato netto di gestione a 969 milioni. Unicredit aveva chiuso il 2016 con una perdita netta di 11,8 miliardi a seguito di rettifiche e svalutazioni per 13,1 miliardi, mentre i ricavi erano risultati pari a 18,8 miliardi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche: trimestrali ancora solide all’orizzonte. L’outlook di Equita

Bankinsurance, ecco chi ci guadagna

Lady Doris, una plus di 70 milioni

NEWSLETTER
Iscriviti
X