Fondi: gli investitori escono dagli obbligazionari, temono rialzo tassi

A
A
A
di Luca Spoldi 16 Febbraio 2018 | 09:42

Aumento dei tassi fa paura

Investitori in fuga dai fondi obbligazionari. Secondo Bank of America Merrill Lynch, in base ai dati Epfr Global sui flusso dei fondi, la scorsa settimana i fondi obbligazionari globali hanno registrato il quinto maggior flusso di rimborso su base settimanale di sempre, complici le attese di tassi di interesse più elevati.

Investitori in fuga dai fondi obbligazionari

Nel complesso 14,1 miliardi di dollari sono stati prelevati dai fondi obbligazionari, di cui 10,9 miliardi dai soli fondi che investono in bond “high-yield” (il secondo maggior deflusso di sempre). Neppure i fondi che investono in titoli “investment grade” si sono salvati, con 2 miliardi di dollari di deflussi netti, ponendo così fine a una sequenza di 59 settimane consecutive di afflussi netti.

Gli high-yield sono i più colpiti

Tra i fondi obbligazionari solo quelli che investono esclusivamente in titoli di stato americani hanno continuato a registrare afflussi netti, per poco più di 2,1 miliardi di dollari. Ancora positiva è invece stata la raccolta di fondi che investono sull’azionario giapponese o europeo. Anche Lipper in un proprio report ha segnalato l’esodo dai fondi obbligazionari a maggior rischio da parte degli investitori americani.

In 5 settimane riscattati 15 miliardi di dollari

In particolare secondo Lipper dai fondi obbligazionari “high yield” statunitensi sono stati ritirati la scorsa settimana 6,3 miliardi di dollari in tutto, segnando così la quinta settimana consecutiva di deflussi netti (complessivamente il deflusso netto nelle ultime 5 settimane avrebbe ormai superato i 15 miliardi di dollari).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Usa: tassi in rialzo rendono debito meno sostenibile

Calcio e finanza: chi sarà proprietario del Milan tra un anno?

Tassi stabili sui Bot a 6 mesi, a Wall Street ora si teme il 3% sul decennale

NEWSLETTER
Iscriviti
X