REVIEW | 15 nuovi certificati Cash Collect Doppia Barriera su titoli azionari

A
A
A
di Luca Spoldi 26 Febbraio 2018 | 08:00

15 nuovi Cash Collect Doppia Barriera

Bnp Paribas ha lanciato una nuova serie di Cash Collect Doppia Barriera su singole azioni, con premio potenziale semestrale compreso tra il 3,15% e il 6,50% e durata triennale. I certificati in questione sono caratterizzati dalla presenza di una doppia barriera: la barriera a scadenza è fissata al 60% del valore iniziale, mentre quella che va a determinare il pagamento del premio è fissata al 70% o all’80%.

Certificati legati ad azioni italiane ed europee

I 15 nuovi certificati sono riferiti ai seguenti titoli: Fiat Chrysler Automobiles (ISIN: NL0012324453), Fiat Chrysler Automobiles (ISIN: NL0012324578), Banco Bpm (ISIN: NL0012324461), Enel (ISIN: NL0012324479), Bper Banca (ISIN: NL0012324487), Intesa Sanpaolo (ISIN: NL0012324495), Intesa Sanpaolo (ISIN: NL0012324586), Unicredit (ISIN: NL0012324503), Unicredit (ISIN: NL0012324594), Eni (ISIN: NL0012324511), Assicurazioni Generali (ISIN: NL0012324529), Eon (ISIN: NL0012324537), Societe Generale (ISIN: NL0012324545), Deutsche Bank (ISIN: NL0012324552) e ArcelorMittal (ISIN: NL0012324560).

Valutazioni semestrali e scadenza triennale

I certificati Cash Collect Doppia Barriera di Bnp Paribas consentono di ottenere premi nelle date di valutazione semestrali nel caso in cui l’azione sottostante abbia subito un ribasso, ma la sua quotazione sia superiore o pari al 70% o al 80% del valore iniziale. Se poi il certificato arriva a scadenza, fissata al 16 febbraio 2021, sono possibili tre diversi scenari: se il sottostante quota sopra al livello premio (70% o 80%) del valore iniziale, il certificato rimborsa il valore nominale e paga il premio; se il sottostante è inferiore al livello premio (70% o 80%) del valore iniziale, ma quota sopra il livello barriera, fissato al 60%, il certificate rimborsa il valore nominale (senza pagare il premio).

In caso di ribasso il premio offre una protezione

Infine, se il sottostante quota sotto il livello barriera (60% del valore iniziale), il certificate paga un importo commisurato alla performance negativa del sottostante. Ad esempio, il Cash Collect Doppia Barriera su Bper Banca pagherà un premio del 6,50% se ad ogni data di valutazione il titolo si troverà al di sopra del prezzo barriera (fissato pari a 3,843 euro) ma al di sotto di quello iniziale (4,804 euro) e proseguirà la sua vita fino alla data di valutazione successiva.

Rimborso anticipato con titoli oltre il valore iniziale

A partire dalla prima data di valutazione in cui Bper Banca quotasse al di sopra del valore iniziale, il certificato pagherà il premio e rimborserà anticipatamente anche il capitale inizialmente investito (nell’esempio, 100 euro per certificato). In un mercato ancora caratterizzato da tassi di interesse molto contenuti, strumenti come i certificati Cash Collect Doppia Barriera appaiono adatti a chi è alla ricerca di premi periodici ma allo stesso tempo vuole proteggersi da eventuali ampi ribassi a scadenza. Da ricordare che, essendo i proventi dei certificati considerati redditi diversi di natura finanziaria (tassati con aliquota pari al 26%), è possibile utilizzare le eventuali plusvalenze per compensare perdite pregresse.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi: accordo Arca e BNP Paribas

Certificati, Bnp Paribas a fianco di Telethon con una nuova emissione

Investimenti: sempre più verso un futuro tecnologico, inclusivo e sostenibile

NEWSLETTER
Iscriviti
X