A Goldman Sachs e Societe Generale interessano gli Etf di Commerzbank

A
A
A
di Luca Spoldi 1 Marzo 2018 | 08:00

Commerzbank, cessioni in vista

Entra nel vivo la gara per la divisione Equity Markets & Commodities di Commerzbank, seconda maggiore banca tedesca da tempo in difficoltà. A sottoporre le proprie offerte definitive sarebbero state, secondo l’agenzia Bloomberg che cita fonti “a conoscenza della vicenda”, Goldman Sachs Group e Societe Generale.

C’è interesse per il business Etf

La divisione in questione, che aveva inizialmente attirato l’interesse anche di Barclays, poi uscita di scena, si occupa anche delle attività legate agli Exchange traded fund (Etf) di Commerzbank, che ha messo la divisione in vendita nell’ambito del piano di riduzione della sua presenza nel settore del trading per focalizzarsi sulle attività di prestito a clienti retail e corporate.

Transazione potrebbe chiudersi entro l’anno

La banca tedesca non ha finora commentato l’indiscrezione, ma il direttore finanziario (Cfo), Stephan Engels aveva in precedenza dichiarato di sperare di concludere la vendita entro l’anno. Le attività oggetto di trattativa hanno generato lo scorso anno 381 milioni di euro di ricavi, essendo l’unica divisione del gruppo ad aver registrato un incremento di fatturato nel 2017, un dettaglio che contribuisce a rendere gli asset oggetto di cessione interessanti agli occhi degli acquirenti.

Scartata l’ipotesi di quotazione autonoma

Commerzbank aveva anche valutato la quotazione della divisione, ma il business era apparso troppo modesto per poter essere gestito come una società autonoma, hanno aggiunto le fonti contattate da Bloomberg, così negli ultimi mesi si sarebbe preferito lavorare per scorporare la divisione dal resto del gruppo esplorando differenti opzioni strategiche. Nel frattempo il titolo Commerzbank chiude la seduta appena sotto i valori della vigilia a 12,72 euro, conservando un rialzo superiore al 78% rispetto a 12 mesi fa.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, il training a regola d’arte

Credem, rimborso anticipato da 50 milioni

Consulenti e venditori, il peccato originale

NEWSLETTER
Iscriviti
X