Post elezioni: Mediaset affonda in borsa, in rialzo spread Btp-Bund

A
A
A
di Luca Spoldi 5 Marzo 2018 | 09:35

Post elezioni: “larghe intese” su un binario morto

Il voto delle elezioni politiche 2018 in Italia ha aumentato, se possibile, l’incertezza dello scenario politico tricolore, col contemporaneo crollo di Forza Italia e del Pd che rende di fatto non immaginabile, al momento, un “Gentiloni bis”, mentre l’affermazione di Lega e M5S spacca il paese in due e pare non poter garantire una qualche stabilità di governo. In attesa di vedere se e come il presidente Mattarella sarà in grado di sciogliere il rebus, i mercati tornano a flettere, con Piazza Affari che in avvio di giornata cede poco meno di un punto percentuale.

Piazza Affari, Mediaset paga più di tutti

Dopo i primi scambi, il Ftse Mib segna infatti -0,95%, il Ftse Italia All-Share oscilla a -0,91% e anche il Ftse Italia Star non riesce a evitare il rosso (-0,32%). A risentire maggiormente dell’esito elettorale è, come previbile, Mediaset (-5,5% a 2,939 euro), ma ribassi consistenti sono anche segnati da bancari come Banco Bpm, Ubi Banca, Unicredit e Intesa Sanpaolo, oltre che da Saipem (che oggi deve approvare i conti 2017), che su richiesta di Consob dovrà ripubblicare “in tempi ragionevolmente brevi” il bilancio 2016.

Spread Btp-Bund si riavvicina all’1,4%

Il risultato delle elezioni politiche 2018 pesa anche sul mercato obbligazionario, che vede lo spread tra Btp e Bund a 10 anni volare all’1,395% (peraltro dopo un’apertura di giornata ancora peggiore con spread all’1,439%), vale a dire con un allargamento dell’8,5% circa rispetto alla chiusura di venerdì. Un risultato che secondo i trader risente anche della ritrovata forza del titolo tedesco dopo che la Spd ha accettato di dar vita a un nuovo governo di coalizione con la Cdu, guidato sempre da Angela Merkel.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Standish (BNY Mellon AMNA): elezioni italiane, non emerge nulla di nuovo

Per i mercati una grande coalizione sarebbe meglio di un ritorno al voto

Elezioni politiche 2018: i veri numeri dell’Italia che va al voto

NEWSLETTER
Iscriviti
X