Creval a razzo in borsa, per gli investitori istituzionali vale una scommessa

A
A
A
di Luca Spoldi 9 Marzo 2018 | 12:33

Creval brinda ai risultati dell’aumento

Credito Valtellinese (Creval) sugli scudi a Piazza Affari dove il titolo a metà giornata recupera oltre il 7,2% a 0,1085 euro dopo che l’aumento di capitale da 700 milioni ha registrato sottoscrizioni pari all’83,1% dell’ammontare o 581,6 milioni, cui si possono sin d’ora sommare fino a 55 milioni di euro legati agli accordi di sub-garanzia firmati da Algebris, Credito Fondiario e Dorotheum, che di fatto alzano il livello di sottoscrizioni fino a 636,6 milioni (il 91% del totale). Le banche del consorzio non dovranno dunque sborsare più di 64 milioni di euro al massimo.

Sui diritti potrebbe scatenarsi una bagarre

I diritti di opzione non esercitati saranno ora offerti in borsa dal 13 al 19 marzo e secondo molti trader andranno rapidamente esauriti, visto che il successo dell’operazione dovrebbe invogliare altri investitori istituzionali ad entrare nella partita. Nessun dettaglio è stato finora fornito circa le mosse dell’imprenditore francese Denis Dumont, titolare di una quota di oltre il 5% del capitale di Creval ante-aumento, che aveva annunciato di voler aderire pro-quota all’operazione.

Selvetti molto soddisfatto del risultato

Soddisfatto il direttore generale dell’istituto, Mauro Selvetti che parlando con la stampa ha sottolineato come considerando “il punto da cui siamo partiti e la dimensione dell’operazione rispetto alla capitalizzazione”, “ci siano i motivi per essere soddisfatti”. E chissà che anche qualche investitore retail (cui sarebbe dovuta andare una quota tra il 10% e il 20% della ricapitalizzazione) non decida di partecipare all’ultimo momento a un’operazione che nelle scorse settimana aveva pesato sul titolo ma il cui successo potrebbe ora far rimbalzare ulteriormente le quotazioni.

Investitori guardano a possibili aggregazioni

Un successo che dimostra come gli investitori istituzionali abbiano giudicato credibile il piano di rilancio predisposto dal management e si siano dimostrati pronti a mettere in portafoglio i titoli di una banca intenzionata a completare rapidamente la pulizia di bilancio e che pare potenzialmente aggregabile con altri istituti. Una decisione, quest’ultima, su cui sarà fondamentale il giudizio dei grandi fondi internazionali che si apprestano a fare la parte del leone nel nuovo azionariato.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Algebris, nuova divisione dallo spirito green

Fondi chiusi, missione compiuta per l’Algebris NPL Fund III

Bnl-Bnp Paribas, un nuovo fondo di Algebris per il private e il WM

NEWSLETTER
Iscriviti
X