Complice Trump, è Amazon la più colpita dalle vendite a Wall Street

A
A
A
di Luca Spoldi 29 Marzo 2018 | 17:27

Amazon soffre più di tutti a Wall Street

E’ Amazon ad essere il titolo più colpito dalla crisi dei “faang” (Facebook, Amazon, Apple, Netflix e Google) a Wall Street seguito alle polemiche per l’effrazione di privacy su Facebook e l’incidente mortale occorso ad una Tesla a guida autonoma nelle scorse settimane. A pesare è anche la rivelazione che il presidente americano Donald Trump è “ossessionato” dall’idea di riuscire a regolamentare il colosso dell’e-commerce, come rivela Bloomberg.

Anche Netflix finisce sotto attacco

In poche sedute Amazon, oggi indicata sotto i 1.404 dollari per azione, con un ulteriore calo del 2% circa, ha perso finora 53 miliardi di dollari di capitalizzazione (scesa a ieri sera a poco più di 675,5 miliardi), superando per perdite anche la performance negativa di Neflix, a sua volta al centro di una vera e propria campagna d’odio sotto la bandiera dell’hashtag #DeleteNetflix.

Settore high-tech a rischio contagio

Finora, notano alcuni trader di Wall Street, i due titoli non avevano ancora sperimentato un flusso di ordini di vendita consistenti quanto quelli che si sono scaricati su Facebook, ma ora il malessere scatenato dalle polemiche nate attorno al social media di Mark Zuckerberg sta diffondendosi sul mercato.

Gestori ottimisti ma cresce il “rischio Trump”

Così anche se molti gestori sembrano stare riposizionando i portafogli, tramite l’acquisto di opzioni sui titoli, per poter cogliere l’eventuale futuro rimbalzo, qualcuno si inizia a chiedere se la fine del mercato “toro” non sia ormai vicina, anche a causa dell’accanimento contro i colossi della Silicon Valley da parte di colui che aveva contribuito a imprimere l’ultima spinta rialzista lo scorso anno, Donald Trump.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Gli Etf arricchiscono le big tech. Da sole capitalizzano quasi il 40% del Nasdaq

Disinvestire dalle big tech? Prematuro, nonostante le nuvole all’orizzonte

Jeff Bezos lascia la carica di Ceo della sua Amazon: ha altri problemi sui cui concentrarsi

NEWSLETTER
Iscriviti
X