Mediaset vola a Piazza Affari dopo accordo con Sky: che farà Vivendi?

A
A
A
di Luca Spoldi 3 Aprile 2018 | 10:20

Mediaset sale dopo accordo con Sky

Mediaset si prepara, forse, a dire addio a Mediaset Premium e il mercato apprezza, facendo rimbalzare del 7,4% a 3,343 euro per azione (su livelli che restano comunque in calo di un 12% abbondante rispetto a un anno prima) le quotazioni della società controllata dalla famiglia Berlusconi, nella quale è presente da mesi il finanziere francese Vincent Bolloré tramite Vivendi (complessivamente socia al 29,9% circa) dopo un intoppo proprio sulla prevista cessione di Mediaset Premium al gruppo francese.

Berlusconi pronti a uscire dalla pay-tv

Venerdì scorso è stato annunciato un primo accordo commerciale sui contenuti con Sky, che prevede la possibilità per Mediaset di distribuire sulla piattaforma di Sky film e serie tv, in attesa che si definisca il quadro per i diritti sulla Seria A, mentre Sky potrà portare la sua offerta sul digitale terrestre, attraverso spazi messo a disposizione da Mediaset Premium. Nascerà inoltre una joint-venture paritetica nella pay-tv sul digitale terrestre (“Operation Pay”) e Mediaset potrà a fine anno cedere la sua quota a Sky (con l’approvazione dell’autorità di vigilanza), uscendo dal settore.

Reazioni positive degli analisti

Dopo l’annuncio Berenberg ha portato il giudizio su Mediaset da “hold” (mantenere) a “buy” (acquistare), con target price alzato da 3,2 a 3,8 euro, da 3,20 euro. Decisione simile anche da parte degli analisti di Kepler Cheuvreux, che pur confermando il rating “hold” hanno alzato il target price da 3 a 3,3 euro per azione, calcolando che l’intesa possa generar 30-65 milioni di euro di ricavi aggiuntivi per Mediaset nel 2018-2019, migliorandone l’utile per azione.

Equita: da valutare mosse di Vivendi

Equita Sim, infine, ha definito “molto favorevole” al gruppo italiano l’intesa, sottolineando come ora per Vivendi diventi importante “proporre un accordo attraente a Mediaset (appeal speculativo), prima che l’accordo commerciale con Sky diventi un’alleanza strategica (cessione di “Operation Pay” e commissioni di ritrasmissione sulla tv in chiaro entro fine anno)”. Gli esperti di Equita Sim hanno così alzato da 3,5 a 3,9 euro per azione il prezzo obiettivo di Mediaset, confermando tuttavia un giudizio “neutrale”, perché “il mercato pubblicitario della tv in chiaro rimane incerto in generale” e Vivendi “ha una quota del 29,9% in Mediaset (valore di carico 3,7 euro per azione) e, in caso decidesse di abbandonare il progetto di creare un media player in Sud Europa, si creerebbe overhang sul titolo”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Si amplia la lista delle big cap italiane senza Tobin Tax

Colpo di reni per Mediaset a Piazza Affari. Le ragioni e i target

Mediaset allunga il passo. Gli obiettivi tecnici da monitorare

NEWSLETTER
Iscriviti
X