Morgan Stanley: trimestre positivo, ma qualche concorrente ha fatto meglio

A
A
A
di Luca Spoldi 18 Aprile 2018 | 18:42

Il 2018 è partito bene per Morgan Stanley

Morgan Stanley apre in rialzo di un punto percentuale abbondante, ma a metà seduta a Wall Street vede poi scattare qualche presa di profitto e riduce i suoi guadagni a meno di un quarto di punto, dopo aver annunciato di aver chiuso i primi tre mesi dell’anno con un utile di 2,58 miliardi di dollari, in crescita del 38% rispetto a un anno fa, grazie a un mix di minori tassi e maggiore attività di trading sui mercati.

Utili e fatturato sopra le attese del mercato

L’utile per azione, pari a 1,45 dollari, ha raggiunto il massimo dal 2008 e ha superato di 20 centesimi le stime di consenso. Meglio del previsto anche il fatturato salito a 11,08 miliardi di dollari contro i 10,36 miliardi previsti in media dagli analisti di Wall Street. Scendendo nel dettaglio, la banca guidata da James Gorman ha visto crescere del 26% su base annua i ricavi da attività di intermediazione, meno delle rivali Citigroup e Bank of America (che hanno segnato entrambe un incremento del 38%).

Buon andamento del trading a reddito fisso

In compenso il trading su reddito fisso è aumentato del 9% a 1,8 miliardi di dollari, il miglior risultato trimestrale da tre anni, con segnali positivi anche dal trading di valute e materie prime che hanno compensato risultati inferiori alle attese sui prestiti, bond e prodotti legati ai tassi d’interesse, un andamento in questo caso in linea con quello segnato da rivali del calibro di Goldman Sachs.

Soddisfazioni anche da wealth e asset management

Buone soddisfazioni continua a dare l’attività di wealth management: i patrimoni della clientela sono aumentati dell’8% su base annua, a 2,37 miliardi, con margini di profitto stabili sul 26%, quindi sopra l’obiettivo del 25% indicato da Gorman. La consulenza per operazioni di fusione e acquisizione ha visto ricavi in crescita del 16% a 574 milioni, quella di sottoscrizione di Ipo solo del 2%. Infine i ricavi dell’asset management (per Morgan Stanley un business minore ma redditizio) sono saliti del 18% annuo, in linea col focus più volte sottolineato da Gorman.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Gorman (Morgan Stanley) non crede a una crisi imminente dell’eurozona

Morgan Stanley, la strategia di Gorman inizia a dare frutti

Trimestrale sopra le attese per Morgan Stanley

NEWSLETTER
Iscriviti
X