Il 2018 inizia sotto i migliori auspici

A
A
A
di Luca Spoldi 23 Aprile 2018 | 10:00

Ubs inizia bene il 2018

Nel primo trimestre del 2018 il gruppo svizzero Ubs ha registrato un utile ante imposte di 1.973 milioni di franchi, in rialzo del 17% su base annua (+24% in dollari), e un utile ante imposte rettificato di 1.876 milioni, in calo del 3% (ma in crescita del 3% in dollari). L’utile netto di competenza degli azionisti si è attestato, informa una nota, sui 1.514 milioni, in aumento del 19% rispetto al primo trimestre del 2017.

Ermotti è soddisfatto dei risultati

Soddisfatto il Ceo del colosso creditizio rossocrociato, Sergio Ermotti, che commentando nota come i risultati “dimostrano ancora una volta la forza del nostro business diversificato. La dinamica attuale della nostra banca è buona e continuiamo a investire sulla crescita e sull’efficienza”. Guardando alle diverse attività, quasi tutti i business hanno dato un contributo positivo al risultato trimestrale.

Raccolta e utili n crescita per il wealth management

In particolare il Global Wealth Management ha segnato una raccolta netta positiva in tutte le regioni con un utile ante imposte rettificato aumentato del 7% su base annua a 1.126 milioni di franchi svizzeri, mentre il Personal & Corporate Banking ha segnato un utile ante imposte rettificato di 393 milioni di franchi con risultati in crescita per quanto riguarda l’attività di negoziazione, i proventi netti ricorrenti da commissioni e il volume netto di nuove operazioni.

Bene anche asset management e investment banking

L’Asset Management ha messo a segno una vigorosa raccolta netta (27 miliardi di franchi, mercati monetari esclusi), con un patrimonio investito a quota 792 miliardi, il massimo da un decennio, e un utile ante imposte rettificato di 108 milioni. L’Investment Bank ha registrato un utile ante imposte rettificato di 629 milioni, mentre solo il Corporate Center ha registrato una perdita ante imposte rettificata pari a 380 milioni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, reti e consulenti: così saranno nel terzo millennio

Asset allocation, settore finanziario: cosa fare dopo le trimestrali

Banche, crediti deteriorati: arriva il diktat

NEWSLETTER
Iscriviti
X