Hsbc: il buy-back da 2 miliardi di dollari non basta al mercato

A
A
A
di Luca Spoldi 4 Maggio 2018 | 09:20

Hsbc, non basta il buy-back

Non basta agli investitori l’annuncio di un nuovo buy-back da 2 miliardi di dollari: Hsbc Holding è caduta del 2,7% sul listino di Hong Kong stamane dopo l’annuncio dei dati del primo trimestre in gran parte in linea con le attese, se non fosse per l’incremento dei costi dell’8% su base annua su base rettificata. Un tasso che supera il Roe (7,5%) e che getta ombre sulla decisione di tornare a espandere le attività del gruppo voluta dal nuovo Ceo John Flint dopo anni di tagli e dismissioni.

Roe resta inferiore a quello dei concorrenti

Flint nei prossimi mesi svelerà i dettagli del nuovo piano industriale del gruppo, ma fino ad allora agli investitori pesa sia il mancato raggiungimento del target di un Roe del 10% sia il confronto con la redditività espressa dai concorrenti di Hsbc simili per dimensioni, come Bnp Paribas e Jp Morgan Chase, entrambe con una redditività superiore.

Ricavi e utili come da previsioni

Nei primi tre mesi dell’anno i ricavi su base rettificata sono peraltro cresciuti del 2,5% a 13,9 miliardi di dollari contro attese di consenso pari a 13,8 miliardi, con utili su base rettificata in calo del 2,9% a 6 miliardi, anche in questo caso in linea con le attese medie di mercato. Così anche a Londra dopo i primi scambi di giornata il titolo cede oltre due punti percentuali, scivolando dai 721,3 pence della chiusura di ieri a poco più di 704 pence per azione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, quando le pressioni commerciali ti fanno finire in analisi

Deutsche Bank, una mano per le tartarughe

Banche: trimestrali ancora solide all’orizzonte. L’outlook di Equita

NEWSLETTER
Iscriviti
X