Poste Italiane festeggia trimestrale con nuovo record in borsa

A
A
A
di Luca Spoldi 10 Maggio 2018 | 11:57

Poste Italiane, piace la trimestrale

I buoni conti trimestrali fanno sorridere gli azionisti di Poste Italiane, che in borsa vede il titolo toccare il nuovo record storico a 8,436 euro per azione prime di ripiegare leggermente e oscillare a 8,384 euro in tarda mattinata. Il gruppo ha annunciato prima dell’apertura della seduta i risultati del primo trimestre del 2018, chiuso con un utile in aumento del 38% su base annua a 485 milioni di euro, dato che ha battuto le attese di consenso.

Già raggiunte plusvalenze attese per 2018 e 2019

I ricavi sono a loro volta apparsi superiori alle previsioni salendo a 2,9 miliardi, l’1,8% in più di quelli registrati nello stesso trimestre dello scorso anno, mentre il totale delle masse gestite è cresciuto del 3,3% a 514 miliardi di euro. In una nota Poste Italiane ha segnalato che le plusvalenze su servizi finanziari previste dal piano per l’intero 2018 sono state già raggiunte e che sono pure già assicurate per gran parte del 2019 grazie a contratti a termine.

Analisti colpiti positivamente dai conti

Poste Italiane ha poi confermato il piano Deliver 2022 sottolineando come per il resto dell’anno si focalizzerà sulla valorizzazione delle attività di risparmio gestito. Le reazioni degli analisti non si sono fatte attendere: Equita Sim ha confermato il proprio “buy” (acquistare, ndr) e il prezzo obiettivo di 8,1 euro, Banca Imi ugualmente ha confermato la raccomandazione “add” (incrementare in portafoglio) e il prezzo obiettivo di 8,1 euro, mentre Banca Akros ha alzato il target price a 8,8 da 8 euro per azione, confermando il rating “accumulate” (accumulare in portafoglio).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Perché rimaniamo sul treno in corsa (dei mercati azionari)

La strada verso la ripresa sarà più accidentata del previsto

Dopo i sorteggi Champions Juve poco mossa in borsa

NEWSLETTER
Iscriviti
X