Banco Bpm cartolarizza 5,1 miliardi di crediti deteriorati, titolo vola in borsa

A
A
A
di Luca Spoldi 1 Giugno 2018 | 10:10

Banco Bpm avvia cartolarizzazione da 5,1 miliardi

Con un tempismo invidiabile, Banco Bpm ha approfittato ieri della tregua sui mercati finanziari legata al via libera al governo Lega-M5S, che anche oggi fa correre i mercati finanziari italiani col Ftse Mib che dopo un’ora scarsa di lavoro guadagna il 2,69% e il rendimento sui Btp decennali italiani che cala al 2,78% (dal 2,88% di ieri sera) riportando lo spread contro Bund vicino al 2,4%, per annunciare il via libere alla cessione “di un portafoglio di crediti in sofferenza originati dalle banche del gruppo il cui valore nominale lordo alla data di cut-off (30 settembre 2017) ammonta a 5,1 miliardi di euro (4,9 miliardi al 31 marzo 2018) al veicolo di cartolarizzazione Red Sea”.

Prezzo di cessione atteso in linea con valori di carico

Banco Bpm prevede che il prezzo di cessione possa risultare “sostanzialmente in linea con gli attuali valori di carico dei crediti nelle contabilità delle banche cedenti”, dunque l’operazione non dovrebbe generare significative minusvalenze. Una volta perfezionata la cessione, Red Sea procederà all’emissione di titoli senior, mezzanine e junior che saranno sottoscritti da Banco Bpm. I titoli mezzanine e junior, precisa la nota, “saranno successivamente ceduti ad investitori terzi, mentre i titoli senior saranno mantenuti nel portafoglio di Banco Bpm”.

Banco Bpm sale del 7,2% a Piazza Affari

Gli effetti contabili dell’operazione sono attesi nei risultati finanziari del primo semestre 2018. L’operazione, ricorda la nota dell’istituto, “si inserisce nel piano di cessioni di 13 miliardi di euro annunciato dal gruppo, aggiungendosi ai 4,5 miliardi sinora realizzati e con una quota residua di circa 3,5 miliardi”. Banco Bpm, il cui titolo stamane balza all’insù del 7,19% in borsa dopo la notizia, ha infine precisato di avere già attivato “la selezione degli advisor che la possano assistere in vista dell’obiettivo di accelerare il completamento del piano” di cessioni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, reti e consulenti: così saranno nel terzo millennio

Asset allocation, settore finanziario: cosa fare dopo le trimestrali

Banche, crediti deteriorati: arriva il diktat

NEWSLETTER
Iscriviti
X