Petrolio incerto, possibile rialzo produzione Opec e Russia

A
A
A
di Luca Spoldi 14 Giugno 2018 | 12:56

Si va verso rialzo produzione petrolifera

Secondo il ministro del petrolio dell’Arabia Saudita, Khalid Al-Falih, un accordo per incrementare gradualmente la produzione dei paesi aderenti al cartello dell’Opec e i suoi partner non-Opec come la Russia è “inevitabile”. Per Al-Falih, a Mosca per incontrare la sua controparte russa Alexander Novak, l’accordo non sarà “nulla di sconvolgente”, ma sarà “ragionevole e moderato” prevedendo un innalzamento dei tetti produttivi di ciascun paese.

Future sul petrolio incerti

Il politico saudita non ha voluto offrire ulteriori dettagli né rivelare se nell’incontro in programma a Vienna il prossimo 22 giugno l’Opec discuterà altre proposte: “Vedremo, ma penso che troveremo un accordo. Come sempre faremo la cosa giusta” per il mercato ha poi concluso Al-Falih. Dopo la notizia il future sul petrolio Wti oscilla 16 centesimi sopra la chiusura di ieri a 66,80 dollari al barile, mentre quello sul petrolio Brent cede 29 centesimi a 76,45 dollari.

Russia e Arabia vogliono evitare gap di offerta

L’Arabia Saudita e la Russia sembrano comunque ansiose di pompare più barili per moderare i prezzi del petrolio e prevenire un gap di offerta dovuto al continuo calo della produzione in Venezuela e al potenziale impatto delle sanzioni statunitensi sull’Iran, che dovrebbero tornare in vigore dal 5 novembre prossimo dopo l’uscita decretata da Trump dall’accorso sul nucleare voluto da Obama.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Petrolio pronto a superare la soglia dei 70 dollari in scia all’Opec

Mercati, il petrolio Wti allunga il passo. Le ragioni, i target e gli Etc

Petrolio in trading range dopo il meeting dell’Opec. I target tecnici e gli Etc a Milano

NEWSLETTER
Iscriviti
X