Fintech: Wirecard in borsa pesa ormai quanto Deutsche Bank

A
A
A
di Luca Spoldi 15 Giugno 2018 | 17:21

Wirecard insidia Deutsche Bank

Che le società fintech si preparassero a fare concorrenza alle banche tradizionali era evidente da tempo, che Wirecard potesse arrivare in pochi anni a valere più di un colosso come Deutsche Bank in borsa sembrava quasi impossibile ancora fino a pochi anni fa. Ma a 150 euro per azione, la capitalizzazione della società tedesca di sistemi di pagamento è ormai equivalente a 18 miliardi di euro, mentre quella del gruppo bancario a 9,5 euro per azione oscilla attorno ai 19,6 miliardi.

In 18 anni tutto è cambiato

Wirecard debuttò il 18 ottobre 2000 sul listino di Francoforte a soli 5 euro per azione (per chiudere poi a 5,2 euro). Rispetto ad allora chi avesse conservato il titolo in portafoglio avrebbe oggi guadagnato 30 volte il capitale investito, mentre Deutsche Bank quel giorno chiuse a 66,35 euro per azione (già in calo dai 68,14 euro di apertura) e dunque chi ha conservato il titolo in portafoglio ha da allora perso oltre l’85% del proprio investimento.

Su Wirecard piovono ordini d’acquisto

Non solo: ieri il titolo Wirecard era riuscito a toccare un massimo storico di 158,1 euro per azione prima di chiudere a 155,8 euro, chiudendo in rialzo la tredicesima seduta consecutiva. Un trend favorito dall’estensione della partnership con Visa annunciata il 5 giugno scorso e dall’Ipo del concorrente olandese Adyen i cui titoli sono raddoppiati di valore al termine del primo giorno di contrattazione, mercoledì 13 giugno scorso.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azionario europeo, le migliori opportunità per il post-crisi

I titoli tech sono le nuove utility?

Pagamenti online più facili e veloci con Adyen

NEWSLETTER
Iscriviti
X