Rendimenti in frenata per i Btp in asta, ma i mercati restano cauti

A
A
A
di Luca Spoldi 28 Giugno 2018 | 15:07

Rendimenti in calo per i Btp in asta

Tutti gli occhi degli investitori a reddito fisso erano puntati stamane sull’asta dei titoli di stato italiani e medio e lungo termine, che per fortuna hanno registrato un buon gradimento, con tassi che tornano a ridursi leggermente rispetto alle aste di un mese fa. In particolare, secondo quanto riferisce Banca d’Italia, il Btp a 5 anni (scadenza marzo 2023) è stato assegnato per 2 miliardi (il massimo previsto) con un rendimento lordo pari all’1,82% annuo, in calo di ben 50 punti base rispetto all’asta precedente.

Buona domanda per Btp a 5 anni, meno per Btp a 10 anni

Appena discreta la domanda, pari a 1,34 volte l’offerta (il minimo dal luglio dello scorso anno). Per quanto riguarda il Btp a 10 anni (scadenza febbraio 2028) anche in questo caso sono stati assegnati 2,5 miliardi pari al massimo previsto, con tassi in calo di 23 punti base al 2,77% lordo annuo. In questo caso il rapporto di copertura è stato ancora meno confortante, con una domanda pari a 1,26 volte l’offerta. Infine il CctEu a 7 anni (scadenza settembre 2025) ha visto un rendimento lordo iniziale dell’1,67%, in calo di 33 punti base. Discreta in questo caso la domanda, con un rapporto di copertura peri a 1,3 volte.

Spread contro Bund in moderato allargamento

Dopo l’esito delle aste lo spread Btp-Bund a 10 anni oscilla poco sopra i livelli della vigilia, sul 2,505%, col rendimento del decennale guida italiano che si riporta sul 2,82%, indebolendosi comunque molto meno dei titoli decennali francesi e spagnoli che oggi vedono risalire lo spread contro Bund rispettivamente allo 0,389% e all’1,045%, mentre i titoli portoghesi limitano i danni con uno spread che sale all’1,524%. Sui mercati obbligazionari europei continua infatti a pesare l’esito dell’eurovertice di Bruxelles che dovrebbe provare a varare importanti riforme per l’eurozona ma che potrebbe naufragare su un tema chiave come quello dell’immigrazione dove la cancelliera tedesca Angela Merkel rischia di giocarsi la carriera politica.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Merkel: non c’è tempo per i coronabond, serve agire ora

Lombard Odier: dopo Merkel alla Ue servirà leadership mirata e stabile

Manovra finanziaria: Italia sotto i riflettori, ma non è la sola in Europa

NEWSLETTER
Iscriviti
X