Azimut in calo, sfiora la soglia dei 13 euro per azione

A
A
A
di Luca Spoldi 2 Luglio 2018 | 16:24

Azimut apre luglio in calo

Azimut apre il secondo semestre del 2018 con un nuovo calo che spinge il titolo verso la soglia psicologica dei 13 euro per azione, il 25% abbondante al di sotto di dove si trovava 12 mesi or sono. Un calo quasi interamente ascrivibile al risultato del secondo trimestre dell’anno (-24,45%), che ha risentito in particolare dello stacco del maxi dividendo da 1 euro dello scorso 21 maggio.

Quotazioni verso i 13 euro

Il livello dei 13 euro appare importante per il titolo della società di risparmio gestito secondo alcuni analisti tecnici, in quanto subito al di sotto di esso, attorno ai 12,95 euro, si individua un primo forte supporto statico, che se rotto potrebbe favorire l’ulteriore discesa prima verso i 12,7 e poi al di sotto dei 12,5 euro per azione o anche, in caso di ulteriore pressione ribassista, fino ai 12 euro per azione.

Finanziari soffrono spread

Sebbene non si scorgano motivazioni fondamentali, come molti altri titoli finanziari anche Azimut risente della maggiore volatilità dei mercati e dell’ampliamento degli spread tra Btp e Bund registratosi in queste ultime settimane e che non sembra destinato a rientrare, vista anche la decisione della Bce di porre fine al proprio programma di quantitative easing a fine anno e con questo, presumibilmente, di limitare il sostegno offerto ai titoli italiani il cui andamento è fattore in grado di influenzare l’andamento dei titoli finanziari tricolori tutti.

Capitalizzazione scivola dietro a quella di Reply

Nel caso di Azimut il risultato, sommato allo stacco del dividendo straordinario, è quello di ridurre la capitalizzazione al di sotto di quella di titoli al momento non inseriti nel Ftse Mib come Reply (oggi in calo dello 0,35% circa), che nell’ultimo anno sono saliti di quasi il 44%, grazie in particolare ad un’accelerazione messa a segno proprio nel secondo trimestre (sul quale il rialzo ha sfiorato per Reply il 30%).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X