Vanguard, frena la raccolta ma meno rispetto al settore del risparmio gestito Usa

A
A
A
di Luca Spoldi 9 Luglio 2018 | 18:43

Frena la raccolta di Vanguard

Vanguard, il secondo maggior money manager al mondo, ha registrato 138 miliardi di dollari di afflussi netti nella prima metà del 2018, in calo rispetto ai 237 miliardi raccolti nello stesso periodo dello scorso anno, secondo quanto ha annunciato la società. Il calo è del 42%, ma gli afflussi complessivi di nuovi capitali in Etf, fondi passivi e fondi a gestione attiva negli Stati Uniti in questi primi sei mesi dell’anno sono calati di circa il 50% secondo le stime di Bloomberg.

Tutto il risparmio gestito Usa frena

Così anche se a prima vista il risultato di Vanguard sembra essere negativo, la supremazia del gruppo rispetto alla grande maggioranza dei concorrenti appare intatta. La motivazione alla base della decisa frenata nella raccolta del risparmio gestito americano sembra essere legata alla performance modesta registrata dai prodotti dopo anni di crescita continua. L’indice S&P500, del resto, è salito di appena il 2,7% nel primo semestre, contro il +9,3% segnato nel primo semestre del 2017.

Il meglio è alle spalle per il settore?

Chissà se col proseguire dei rialzi della Federal Reserve, la maggiore volatilità dei mercati e il previsto rallentamento della crescita degli utili aziendali, per i gestori americani non arriverà una ulteriore frenata della raccolta e del giro d’affari? Il rallentamento in corso potrebbe essere solo l’anteprima di un periodo decisamente meno brillante di quello visto nei precedenti otto anni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Etf, Grayscale Investments lancia il primo prodotto in Europa

Etf: frena la raccolta globale

Etf, da HANetf un prodotto legato all’uranio

NEWSLETTER
Iscriviti
X